Morte di Leo Dimasi, “Siamo Mileto” interrompe la campagna elettorale

Commozione per la prematura scomparsa del 30enne rimasto vittima di un incidente nell’aprile dello scorso anno. Folla alle esequie celebrate oggi a Paravati 

Commozione per la prematura scomparsa del 30enne rimasto vittima di un incidente nell’aprile dello scorso anno. Folla alle esequie celebrate oggi a Paravati 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Sta suscitando profonda commozione la prematura morte del 30enne di Paravati Leopoldo Dimasi, avvenuta martedì notte a oltre un anno di distanza dal tragico incidente stradale di cui era rimasto vittima sulla Statale 18, nei pressi del bivio per San Calogero. Ieri sera, in segno di sostegno ai genitori dello sfortunato giovane, morto all’ospedale “Annunziata” di Cosenza in seguito ad emorragia cerebrale, entrambe le liste che domenica prossima si contenderanno lo scranno di primo cittadino di Mileto avevano deciso di non svolgere i rispettivi comizi. Oggi, arriva l’ulteriore decisione del gruppo “SiAmo Mileto” di chiudere anticipatamente la campagna elettorale e di rinunciare definitivamente ai prossimi incontri pubblici con la cittadinanza. A comunicarlo, lo stesso candidato a sindaco della lista civica Rosetta Mazzeo

Informazione pubblicitaria

La scelta è motivata “dall’esigenza di attestare ulteriore vicinanza alla famiglia di Leo, per un fatto triste che ha profondamente scosso noi tutti e l’intera comunità miletese”. Un evento tragico, “che dopo un lungo percorso di sofferenza ha strappato dalle braccia dei genitori il loro unico amato figlio”. Alle 16 di oggi nella chiesa “Santa Maria degli Angeli” di Paravati si sono intanto svolti i funerali di Leo. Una cerimonia funebre contrassegnata da diversi momenti di intensa commozione, a cui hanno partecipato centinaia di amici, semplici conoscenti e persone comuni, decisi a stringersi attorno alla famiglia e a rivolgere l’estremo saluto ad giovane segnato da un destino avverso, che lo ha visto percorrere per un lungo anno la via del Calvario, prima di dare definitivamente l’anima a Dio. 

LEGGI ANCHE:

Vittima di un incidente, Mileto piange Leo morto dopo un anno di agonia