Autobomba a Limbadi, Rosaria Scarpulla vuole vedere il marito a Palermo

Il legale della famiglia ha chiesto alla Prefettura di Vibo ed ai commissari del Comune di Limbadi di farsi carico delle spese e di organizzare il viaggio. Francesco Vinci si trova ricoverato in ospedale dal 9 aprile

Il legale della famiglia ha chiesto alla Prefettura di Vibo ed ai commissari del Comune di Limbadi di farsi carico delle spese e di organizzare il viaggio. Francesco Vinci si trova ricoverato in ospedale dal 9 aprile

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Una richiesta alla Prefettura di Vibo Valentia ed alla commissione straordinaria del Comune di Limbadi di farsi carico dell’organizzazione e dell’onere del trasferimento temporaneo di Rosaria Scarpulla all’ospedale di Palermo per andare a trovare il marito, Francesco Vinci, rimasto gravemente ustionato nell’attentato con un’autobomba costato la vita al figlio Matteo Vinci, è stata inoltrata dall’avvocato Giuseppe De Pace, legale della famiglia Vinci-Scarpulla. Il legale nella sua richiesta sottolinea “il precario stato di salute della signora Scarpulla, i rischi riguardanti la sua incolumità personale, la sua impossibilità logistica – sottolinea De Pace – per intraprendere il viaggio da sola”. Da qui l’invito alla Prefettura di Vibo ed alla Commissione straordinaria di Limbadi (che gestisce l’ente dopo il recente scioglimento degli organi elettivi per infiltrazioni mafiose) a voler assumere “con urgenza su di sé l’organizzazione e l’onere di detto trasferimento temporaneo con mezzi e uomini che riterranno opportuni, a carico dell’amministrazione”. Nella missiva dell’avvocato De Pace viene anche evidenziato che “il signor Francesco Vinci è ricoverato dal 9 aprile nell’ospedale di Palermo centro “Grandi Ustioni”; dal giorno del suo ricovero fino ad oggi, la moglie, Rosaria Scarpulla, unica familiare vivente, non è potuta andare a trovarlo, in quanto sola e senza alcuna assistenza personale; dopo settanta giorni circa di lontananza dal marito, non potendo più sopportare questo strazio, si è determinata a raggiungere al più presto quel di Palermo per stare un po’ vicina al suo anziano coniuge”. Vista “l’urgenza nell’assolvimento di tale dovere familiare, si chiede – conclude De Pace – una risposta a breve giro di tempo”.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Autobomba a Limbadi, il M5S: “Irrazionali gli attacchi dell’avvocato De Pace”

Scorta a Rosaria Scarpulla, la Prefettura ribadisce: «Adottate misure congrue»

Autobomba Limbadi: mancata scorta per Rosaria Scarpulla, esposto in Procura (VIDEO)

De Pace: «Scorta per Rosaria Scarpulla». La Prefettura: «Tutele attuali adeguate»

Autobomba a Limbadi, l’avvocato De Pace: «Rosaria Scarpulla è in pericolo di vita» (VIDEO)

Tessere di Libera strappate a Limbadi, don Stamile: «De Pace calpesta dignità delle vittime di mafia»

Autobomba di Limbadi, De Pace annuncia raccolta fondi per indagini private (VIDEO)