domenica,Maggio 9 2021

Minacce di morte la vigilia di Natale a due giornalisti e un avvocato – VIDEO

Il direttore responsabile di LaC, Pietro Comito, il giornalista de Il Quotidiano del Sud, Francesco Mobilio, e l’ex presidente del consiglio comunale di Vibo Marco Talarico, destinatari di una busta contenente un proiettile calibro 7.65, un biglietto con minacce e un ritaglio di giornale inerente la demolizione del cosiddetto "palazzo della vergogna".

Minacce di morte la vigilia di Natale a due giornalisti e un avvocato – VIDEO

Tre buste contenenti esplicite minacce di morte e altrettanti proiettili calibro 7.65, sono state recapitate il 24 dicembre scorso all’indirizzo di Pietro Comito, direttore responsabile della testata giornalistica LaC, di Francesco Mobilio, giornalista della redazione vibonese de Il Quotidiano del Sud e di Marco Talarico, avvocato, già presidente del Consiglio comunale di Vibo Valentia.

Le tre missive sono state recapitate ai rispettivi indirizzi e, nel caso dei due giornalisti, alla sede delle redazioni d’appartenenza. Le buste, del tipo imbottite per la spedizione di cd, identiche nell’aspetto e nel formato, avevano anche il medesimo contenuto. In tutti e tre i casi, infatti, all’interno delle stesse è stato rinvenuto lo stesso ritaglio di un titolo di un articolo de Il Quotidiano del Sud del primo dicembre scorso, inerente la demolizione del cosiddetto “palazzo della vergogna” a Vibo Valentia; un proiettile calibro 7.65; un foglietto scritto al computer in dialetto contenente minacce di morte e firmato “i frati 7.65”. Nel testo si legge: «Pi mo u iettasti… a scordata… i frati 7,65… mu ti guardi sempre».

Il fatto è stato prontamente denunciato ai Carabinieri e sull’episodio è alta anche l’attenzione del prefetto di Vibo Valentia, Giovanni Bruno, il quale se ne occuperà lunedì al rientro in sede in un apposito Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Un analogo episodio, nel 2009, aveva visto oggetto di minacce gli stessi Mobilio e Talarico e Giuseppe Baglivo, allora giornalista del quotidiano Calabria Ora. Anche in quell’occasione il riferimento esplicito era alla demolizione del “palazzo della vergogna”.

Ai colleghi Comito e Mobilio e all’avvocato Talarico la solidarietà del direttore e della redazione de ilvibonese.it

Articoli correlati

top