Il boss in processione, Zungri si divide e c’è chi difende Accorinti: «E’ un santo» (VIDEO)

Il paese si ritrova travolto dall’ondata mediatica dopo lo “stop” alla processione della Madonna della neve imposto dai carabinieri per la presenza del noto pregiudicato tra i portatori del quadro

Il paese si ritrova travolto dall’ondata mediatica dopo lo “stop” alla processione della Madonna della neve imposto dai carabinieri per la presenza del noto pregiudicato tra i portatori del quadro

Informazione pubblicitaria
La processione interrotta a Zungri
Informazione pubblicitaria

Un paese incredulo e sconcertato. Zungri si sveglia così all’indomani dell’ondata mediatica che ha travolto il centro del Monte Poro nel giorno della festa della sua Santa Patrona: la Madonna della neve. A scalare le cronache nazionali di una fiacca domenica d’agosto, il gesto del capo dell’omonimo clan, Giuseppe Accorinti, alias Peppone, 59 anni, “infilatosi” sotto una delle aste che reggono il quadro raffigurante la Madonna per portarlo in processione, prima di subire l’alt dei carabinieri. E ora, in paese, c’è anche chi difende il boss e impreca contro i militari, rei di aver fatto fino in fondo il proprio dovere interrompendo il corteo della sacra effigie per le vie del paese. Un momento immortalato da un video amatoriale finito nei servizi dei tg nazionali e locali. Le parole dei fedeli, all’indomani del caso, testimoniano come gli stessi difficilmente dimenticheranno quanto accaduto ieri: «Siamo un paese di santi. Anche Accorinti lo è» esclama un uomo che provocatoriamente si autoaccusa di essere mafioso. Nel borgo delle grotte semi deserto ci sono gli operai che smontano le luminarie, le porte della chiesa sono sbarrate e il telefono di don Giuseppe La Rosa squilla a vuoto. In paese si aggirano diverse troupe televisive, una presenza che sembra infastidire pure il sindaco Franco Galati. Anche il campanello dell’abitazione di Peppone Accorinti suona a vuoto. Dalla penombra di una finestra si scorge qualcuno, ma il citofono resta muto… 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Pregiudicato vuol portare il quadro della Madonna della neve, i carabinieri interrompono la processione a Zungri

‘Ndrangheta e religione: le ingerenze dei clan nelle processioni del Vibonese