Parghelia, prende a calci e bottigliate un pregiudicato: arrestato 44enne

La furiosa aggressione al termine dei festeggiamenti in onore della Madonna di Portosalvo. Tra quanti hanno assistito alla scena c’era anche un carabiniere che si è lanciato all’inseguimento dell’uomo in evidente stato di ebbrezza

La furiosa aggressione al termine dei festeggiamenti in onore della Madonna di Portosalvo. Tra quanti hanno assistito alla scena c’era anche un carabiniere che si è lanciato all’inseguimento dell’uomo in evidente stato di ebbrezza

Informazione pubblicitaria
I coltelli sequestrati a Bagnato
Informazione pubblicitaria

Nella nottata passata, a Parghelia, al termine dei festeggiamenti in onore della Madonna di Portosalvo, un 47enne pregiudicato del posto è stato aggredito sulla pubblica via da un ignoto che dapprima lo ha colpito alla testa con una bottiglia e successivamente, con la vittima ormai a terra, gli ha sferrato un calcio che ne ha provocato la perdita di coscienza. Non pago di ciò, lo sconosciuto ha minacciato quanti avevano assistito alla violenza con un coltello a mezzaluna, dileguandosi per le vie limitrofe. Tra i presenti vi era però un carabiniere libero dal servizio che, si è messo immediatamente all’inseguimento, avvertendo al contempo i colleghi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tropea, diretta dal maggiore Dario Solito, che giunti sul posto, dapprima risalivano all’identità dell’uomo, individuando il 44enne pregiudicato genovese Bagnato Gianluca, e successivamente lo rintracciavano in evidente stato di ebbrezza alcolica. Le perquisizioni, personale e domiciliare, svolte nell’immediatezza, permettevano poi ai militari di rinvenire il coltello a mezzaluna utilizzato nonché un ulteriore coltello, che i carabinieri sequestravano. Bagnato è stato quindi tratto in arresto per il reato di tentato omicidio in virtù delle gravi lesioni poste in essere nei confronti della vittima, considerando che le stesse per la gravità e per le modalità di esecuzione, potevano essere potenzialmente mortali, ed associato alla Casa circondariale di Vibo Valentia a disposizione dell’autorità giudiziaria. Il ferito, soccorso dal 118, è stato trasferito in ospedale a Vibo Valentia e ricoverato d’urgenza. La prognosi è riservata ma l’uomo non sarebbe in pericolo di vita. 

Informazione pubblicitaria