Carattere

Un'anziana di Mileto avrebbe indebitamente percepito assegni mensili per 37 mila euro con pari danno per lo Stato

Cronaca

Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato. Questo il reato per il quale il pm della Procura di Vibo Valentia, Benedetta Callea, ha disposto la citazione diretta in giudizio nei confronti di Iolanda Tulino, 80 anni, di Mileto. Sino al mese di aprile del 2013, secondo le indagini, Iolanda Tulino “con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso”, avrebbe omesso di comunicare all’Inps (Istituto nazionale di Previdenza sociale) di essere residente e dimorante all’estero, conseguendo in tal modo indebitamente la pensione sociale, poi tramutata in assegno sociale, erogata dall’Istituto mediante un accredito mensile. Iolanda Tulino è accusata di aver percepito indebitamente un importo complessivo di 37.351,06 euro. E' difesa dall'avvocato Emanuele Guzzo. Il procedimento penale era stato inizialmente aperto anche nei confronti di Raffaele Cusello (difeso dall'avvocato Gioconda Ceravolo), accusato di aver percepito indebitamente la somma complessiva di 37.379,57 euro. Il pensionato è però nel frattempo deceduto e pertanto non si darà più luogo all'azione penale. 

 

 

Seguici su Facebook