Carattere

L’uomo è stato notato dai carabinieri del Norm di Vibo in borghese che dopo un folle inseguimento l’hanno ammanettato nel parcheggio dell’ospedale 

Carabinieri a Tropea (repertorio)
Cronaca

Questa mattina, intorno alle 11.30, per le vie di Tropea, si è verificato del trambusto anomalo che solo grazie alla provvidenziale presenza sul posto dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Vibo Valentia non si è trasformato in qualcosa di più grave. I militari, in abiti civili, nel transitare in largo Villetta hanno infatti notato che da un’auto in movimento, un uomo puntava contro i passanti una pistola, facendo pressione sul grilletto, dalla quale non partivano colpi perché evidentemente inceppata. Immediatamente prese in pugno le proprie pistole, i carabinieri si sono qualificati intimando all’uomo di gettare a terra l’arma quando, all’improvviso, il malfattore gliel’ha tirata contro nel tentativo di guadagnare del vantaggio per la propria fuga a bordo della Volkswagen Golf su cui viaggiava. Cominciava così la folle corsa dell’auto con i carabinieri alle spalle - con lampeggianti e sirene spiegate a bordo del loro veicolo di copertura - verso via Margherita di Savoia, via Umberto I e via Libertà. Giunti in via Campo Inferiore, notata la persistente presenza dei militari, anziché fermarsi, il malfattore accelerava ulteriormente la marcia della sua autovettura cominciando anche a zigzagare tra le altre auto che viaggiavano nello stesso senso di marcia e rivolgendo ai carabinieri gestacci con la mano sinistra attraverso il finestrino. Nel tentativo di far perdere le proprie tracce, l’uomo s'inseriva repentinamente all’interno della traversa che porta al parcheggio dell’ospedale di Tropea dove, dopo un inseguimento a piedi, è stato definitivamente immobilizzato a terra ed ammanettato. Oltre alla pistola, una Garilondos cal. 7,65 con matricola abrasa, i militari hanno rinvenuto all’interno dell’abitacolo dell’autovettura anche mezzo grammo di cocaina. L’uomo, Sandro Schiariti, 42 anni di Ricadi, pluripregiudicato con seri problemi di droga, oltre a vedersi ritirata la patente di guida, è stato tratto in arresto per detenzione di arma clandestina, minaccia aggravata, ricettazione, resistenza e minacce a pubblico ufficiale, guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e segnalato amministrativamente per l’uso di cocaina. A seguito delle formalità espletate presso il Comando provinciale carabinieri è stato tradotto nella casa circondariale di Vibo Valentia.

Seguici su Facebook