La storia di Ciccio Mancuso, “quasi sindaco” di Limbadi, inaugura la rubrica “Chiusi per mafia”

Parte oggi su repubblica.it la nuova serie del blog “Mafie”, curata dai giornalisti Giuseppe Baldessarro e Attilio Bolzoni e dedicata ai comuni sciolti per infiltrazioni mafiose

Parte oggi su repubblica.it la nuova serie del blog “Mafie”, curata dai giornalisti Giuseppe Baldessarro e Attilio Bolzoni e dedicata ai comuni sciolti per infiltrazioni mafiose

Informazione pubblicitaria
Il boss di Limbadi Ciccio Mancuso
Informazione pubblicitaria

«Ce ne sono alcuni che sono stati “chiusi” due e anche tre volte, in altri non si presentano più neppure le liste per scegliere un sindaco. E’ la democrazia sconfitta dalle mafie. Da quando si è fatta la legge per fronteggiare l’“emergenza” dei Comuni infiltrati dal crimine – era il 1991 – in Italia sono stati inviati commissari prefettizi in 289 città e paesi. Al Sud ma da qualche tempo anche in un Nord che ha dovuto fare i conti con l’infezione, in capitali di ‘Ndrangheta come Reggio Calabria e in sterminati quartieri di Roma come Ostia, a Brescello in Emilia e a Sedriano in Lombardia, nei territori dell’Aspromonte, in Puglia, in Campania e naturalmente in Sicilia. Cadono giunte di tutti i colori, di destra e di sinistra, circoscrizioni, aziende sanitarie. Dove c’è invasione di boss e “condizionamenti”, il governo centrale da quasi trent’anni ha questo potere: “sciogliere”». È questa la presentazione della nuova rubrica “Chiusi per mafia”, curata dai giornalisti Giuseppe Baldessarro e Attilio Bolzoni, e lanciata questa mattina nel blog “Mafie” del sito repubblica.it. A tenere a battesimo la nuova serie un articolo di Pietro Comito, condirettore del Tg di LaC Tv, dedicato al caso di Ciccio Mancuso, candidato alle comunali di Limbadi – da latitante – nel 1983 e risultato eletto con un consenso plebiscitario. Ad intervenire, con proprio decreto, in quel caso fu direttamente il presidente della Repubblica Sandro Pertini, quando ancora la legge sullo scioglimento dei Comuni non esisteva. Leggi l’articolo su repubblica.it http://mafie.blogautore.repubblica.it/2018/09/29/2288/

Informazione pubblicitaria