lunedì,Agosto 8 2022

Rinascita Scott, Bartolomeo Arena: «Pardea voleva uccidere un leone ai titolari del circo»

Il collaboratore di giustizia ed i mancati biglietti gratis per assistere agli spettacoli a Vibo. Il dispetto ad Orazio Lo Bianco ed ai Pugliese e l’intervento di “U Rozzu”

Rinascita Scott, Bartolomeo Arena: «Pardea voleva uccidere un leone ai titolari del circo»
Orazio Lo Bianco

Anche gli animali del circo nel “mirino” dei criminali a Vibo Valentia. Motivo? Il mancato ottenimento dei biglietti gratis per gli spettacoli ed a rimetterci la vita doveva essere un leone. C’è anche questo nei racconti di Bartolomeo Arena che ieri ha continuato la sua deposizione nel maxiprocesso Rinascita Scott dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia. Rispondendo alle domande del pm Antonio De Bernardo, il collaboratore ha spiegato che il suo gruppo criminale intendeva in tal modo punire la ‘ndrina dei Pugliese, detti Cassarola, ed in particolare quello che ha indicato come un componente della stessa ‘ndrina: Orazio Lo Bianco. «Quando a Vibo Valentia arrivavano il circo o le giostre era Domenico Tomanino, detto U Lupu, cognato di Salvatore Morelli, a chiedere i biglietti gratis per il nostro gruppo. Tomaino era attivo nel settore dell’usura, ma ricordo che si occupava pure dei biglietti gratis per circo e giostre. Nel 2016 Francesco Antonio Pardea – ha dichiarato Bartolomeo Arena – voleva sparare agli animali del circo ed in particolare gli voleva uccidere un leone. Lo incontrai per caso mentre avevo portato mio figlio a vedere gli animali e lui mi disse che stava facendo un giro per vedere come fare per uccidere un leone. Io chiesi il motivo della cosa che mi sorprese molto e lui mi rispose che bisognava dare una lezione ai titolari del circo che avevano dato i biglietti gratis per gli spettacoli solo ad Orazio Lo Bianco. [Continua in basso]

Francesco Antonio Pardea

Una cosa insopportabile per Francesco Antonio Pardea che, uccidendo il leone, voleva dimostrare che Orazio Lo Bianco non era in grado di garantire nessuno protezione a quelli del circo. Orazio Lo Bianco aveva infatti garantito ai titolari del circo, in cambio dei biglietti gratis, che non avrebbero avuto alcun problema a Vibo Valentia perché garantiva tutto lui ed aveva lasciato a quelli del circo anche il suo numero di telefono dicendo loro che potevano chiamarlo per qualunque problema». Bartolomeo Arena, quindi, si sarebbe opposto all’uccisione degli animali facendo prevalere la sua natura «animalista», suggerendo però a Pardea di colpire gli operai del circo sparando alle gambe. «Francesco Antonio Pardea aveva però già dato incarico a Domenico Tomaino di uccidere un leone del circo mentre si trovava nella gabbia, cosa che alla fine non venne fatta sol perché nel mezzo si mise Leoluca Lo Bianco, detto Il Rozzo, il quale ci disse di lasciare perdere affermando che era stato lui e non i Pugliese-Cassarola, a mandare Orazio Lo Bianco a chiedere i biglietti gratis per il circo. Per Francesco Antonio Pardea non era una questione di risparmiare le dieci euro del biglietto, ma una questione di prestigio criminale ottenere i biglietti gratis, in quanto il circo stazionava nella zona della Sant’Aloe ovvero in quello che riteneva fosse il suo quartiere».

LEGGI ANCHE: Rinascita Scott: Bartolomeo Arena, il delfino morto e l’incendio del furgone a De Angelis

Rinascita-Scott, Bartolomeo Arena: «Ho venduto una pistola ad un avvocato»

Rinascita Scott, Bartolomeo Arena e l’omicidio del cugino Giuseppe Pugliese Carchedi

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena racconta il boss di Sant’Onofrio Domenico Bonavota

Rinascita Scott: i retroscena dell’omicidio di Grazia Zaccaria raccontati da Bartolomeo Arena

Rinascita Scott, Bartolomeo Arena e le auto incendiate alla dottoressa Soriano e ad un vigile urbano

Rinascita Scott: il pentito Arena ed il riconoscimento fotografico degli “azionisti” del suo gruppo

Rinascita Scott: gli affari di Domenico Pardea ‘u Ranisi raccontati da Bartolomeo Arena

Rinascita Scott: la genesi del nuovo clan dei Piscopisani spiegata dal pentito Arena

Rinascita Scott: gli affari di Domenico Pardea ‘u Ranisi raccontati da Bartolomeo Arena

Rinascita Scott: la genesi del nuovo clan dei Piscopisani spiegata dal pentito Arena

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e gli scontri dei nipoti di Accorinti con i vibonesi ed i Fiarè

Rinascita Scott, Bartolomeo Arena: «Dovevo uccidere Gianfranco Ferrante»

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e la fuga da Vibo. La simulata lupara bianca e la collaborazione

Rinascita Scott, il pentito Arena: «Ecco i boss che comandano tutta la ‘ndrangheta vibonese»

Rinascita Scott, Bartolomeo Arena: «Ecco chi comanda a Pizzo Calabro»

Rinascita Scott, il pentito Arena: «Razionale da giovane tentò il suicidio con l’acido»

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena, i Fiarè-Razionale-Gasparro e l’imprenditore Lo Riggio

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e lo scontro a Vibo fra i Pugliese ed i Pardea

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e le assunzioni attraverso politici e mafiosi

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e gli omicidi di Cecchino Pugliese e Francescantonio Pardea

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e l’eliminazione del padre fra scontri e vendette

Rinascita Scott: l’esordio del collaboratore Bartolomeo Arena e la ‘ndrangheta di Vibo

Articoli correlati

top