domenica,Novembre 28 2021

Rinascita Scott: i retroscena dell’omicidio di Grazia Zaccaria raccontati da Bartolomeo Arena

Il pentito: «Era una santa donna». E poi: «Quella sera non ero lì per puro caso. Dissi a mia madre che andavo a cena da Enzo Barba e lei fece il macello. Così decisi di restare a casa»

Rinascita Scott: i retroscena dell’omicidio di Grazia Zaccaria raccontati da Bartolomeo Arena
Nel riquadro il luogo dove si consumò a Vibo l'omicidio di Grazia Zaccaria

Fu uno dei casi di cronaca più gravi ed eclatanti che si consumarono nella Vibo Valentia degli anni 2000. Era la notte tra il 28 ed il 29 settembre del 2001, quando Grazia Zaccaria venne uccisa con una coltellata dal nipote Michele Lo Bianco, allora ventiquattrenne. Una vicenda per la quale lo stesso Lo Bianco fu riconosciuto unico colpevole, in via definitiva, dalla Cassazione. Anche di questo parla, nel corso della prosecuzione del suo esame al maxiprocesso Rinascita Scott, il collaboratore di giustizia Bartolomeo Arena. [Continua in basso]

Ad incalzarlo il pm Anna Maria Frustaci, che chiede ragguagli su Michele Lo Bianco, alias “Formaggio”, oggetto di un attentato intimidatorio, attraverso l’incendio della sua auto, per mano di Michele Camillò, camorrista del rinato clan dei Ranisi e oggi pentito di ‘ndrangheta. «Michele Lo Bianco – racconta Arena – fu rimpiazzato negli anni 2000. Fu arrestato e poi condannato per l’omicidio della zia». Arena racconta retroscena finora sconosciuti: «Quella sera io non restai coinvolto per un puro caso, perché dovevo essere con Michele Lo Bianco, Carmelo Lo Bianco, detto Crapina, e Giuseppe Pugliese Carchedi. Eravamo invitati a casa da Enzo Barba per cena e poi dovevamo fare un furto di tappeti persiani. Quando dissi a mia mamma che andavo a casa del Musichiere, mia madre fece il macello. “Non ti basta il fatto di tuo padre?” (il padre di Arena, Antonio, vittima della lupara negli anni ’80, ndr), si mise a gridare. Si gettò a terra e si sentì male davvero. Così, a causa della reazione di mia madre, quella sera non andai da Enzo Barba e restai a casa. Loro invece sono andati».

Vincenzo Barba

Bartolomeo Arena racconta quindi cosa avvenne subito dopo la cena: «Una volta usciti dalla casa di Enzo Barba, Michele Lo Bianco si è messo ad urinare davanti alla casa di questa zia, che era lì vicino. Allora lo zio Salvatore Lo Bianco, che con il nipote non aveva buoni rapporti, uscì fuori e gli disse: “Porco, tu qui a casa mia vieni ad urinare?”. Nacque una discussione e finirono alle mani. A questo punto uscì pure la moglie, che era una santa donna e si mise nel mezzo per sedare la lite. Michele Lo Bianco però aveva già il coltello in mano. E la coltellata la prese questa povera donna che poi morì». [Continua in basso]

Giuseppe Pugliese Carchedi

Continua Arena: «Lui e gli altri scapparono e furono latitanti per qualche giorno. Lì iniziò un percorso particolare, perché ci recammo da diversi avvocati. Un avvocato di Vibo, in particolare, ci disse che per un caso del genere bisognava interpellare un avvocato importante di Catanzaro, che senza amicizia non avrebbe mai preso la difesa. Si trattava dell’avvocato Giancarlo Pittelli. Carmelo Lo Bianco, detto Piccinni, ci disse che bisognava parlare con Bruno Barba, defunto fratello di Vincenzo Barba, che era l’unico in grado di intercedere con Pittelli. Tramite Bruno Barba, quindi, Pittelli prese l’incarico. Fu lui che difese mio cugino Pugliese Carchedi e Carmelo Lo Bianco detto “Crapina”, che erano accusati di favoreggiamento. Nelle fasi iniziali mandò i suoi sostituti, poi si impegnò personalmente. Alla fine per l’omicidio fu condannato solo Michele Lo Bianco, che fece pochi anni di carcere».

Arena, spiega in aula, allora sarebbe stato testimone diretto in particolare delle fasi preparatorie della strategia difensiva per i tre implicati in quel tragico fatto di cronaca. «Vincenzo Barba per questa vicenda se la prese molto perché a mio cugino Giuseppe Pugliese Carchedi ci teneva tantissimo. Ci ha tenuto fino alla fine». E per fine, Arena intende il suo omicidio. Giuseppe Pugliese Carchedi fu ucciso infatti il 17 agosto del 2006 tra Vibo Marina e Pizzo: il delitto, attribuito ad esponenti del clan dei Piscopisani, è oggetto del processo Outset, che ha avuto impulso grazie alle dichiarazioni di Andrea Mantella.

LEGGI ANCHE: Rinascita Scott, Bartolomeo Arena e le auto incendiate alla dottoressa Soriano e ad un vigile urbano

Rinascita Scott: il pentito Arena ed il riconoscimento fotografico degli “azionisti” del suo gruppo

Rinascita Scott: gli affari di Domenico Pardea ‘u Ranisi raccontati da Bartolomeo Arena

Rinascita Scott: la genesi del nuovo clan dei Piscopisani spiegata dal pentito Arena

Rinascita Scott: gli affari di Domenico Pardea ‘u Ranisi raccontati da Bartolomeo Arena

Rinascita Scott: la genesi del nuovo clan dei Piscopisani spiegata dal pentito Arena

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e gli scontri dei nipoti di Accorinti con i vibonesi ed i Fiarè

Rinascita Scott, Bartolomeo Arena: «Dovevo uccidere Gianfranco Ferrante»

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e la fuga da Vibo. La simulata lupara bianca e la collaborazione

Rinascita Scott, il pentito Arena: «Ecco i boss che comandano tutta la ‘ndrangheta vibonese»

Rinascita Scott, Bartolomeo Arena: «Ecco chi comanda a Pizzo Calabro»

Rinascita Scott, il pentito Arena: «Razionale da giovane tentò il suicidio con l’acido»

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena, i Fiarè-Razionale-Gasparro e l’imprenditore Lo Riggio

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e lo scontro a Vibo fra i Pugliese ed i Pardea

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e le assunzioni attraverso politici e mafiosi

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e gli omicidi di Cecchino Pugliese e Francescantonio Pardea

Rinascita Scott: Bartolomeo Arena e l’eliminazione del padre fra scontri e vendette

Rinascita Scott: l’esordio del collaboratore Bartolomeo Arena e la ‘ndrangheta di Vibo

Articoli correlati

top