Vigili del fuoco, operatori del 118 e volontari a scuola di soccorso e disabilità a Vibo

Giornata conclusiva della formazione rivolta a soccorritori tecnici e sanitari oltre che ai volontari di protezione civile sul tema della disabilità

Giornata conclusiva della formazione rivolta a soccorritori tecnici e sanitari oltre che ai volontari di protezione civile sul tema della disabilità

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si chiudono oggi i tre giorni di formazione sul tema della disabilità nell’ambito del progetto “Soccorso e sicurezza delle persone con esigenze speciali“, avviato grazie alla firma di un protocollo d’intesa sottoscritto il 4 settembre scorso da Anci Calabria, comando provinciale dei vigili del fuoco di Vibo Valentia, Azienda sanitaria provinciale di Vibo, Fand Calabria, Fish Calabria e “Soccorso senza barriere”. L’obiettivo di tale protocollo è di specializzare i soccorritori tecnici, sanitari e volontari della provincia di Vibo Valentia nel soccorso a persone con disabilità, permanente o temporanea. Il primo step di tale progetto è la mutua formazione degli operatori. Seguirà l’organizzazione di esercitazioni di protezione civile, anche per favorire l’adeguamento dei piani comunali di protezione civile che tengano conto del soccorso e dell’evacuazione delle persone con esigenze specifiche. Il 14 gennaio l’Asp di Vibo ha organizzato la prima giornata formativa sui temi la catena della sopravvivenza, triage sanitario, gestione di una maxi emergenza  grazie dott.ssa Rosabella Talarico, e l’infermiere Giuseppe Ventrice. Il 15 gennaio sono state l’associazione soccorso senza barriere e le federazioni regionali delle persone con disabilità a proseguire il percorso formativo con gli interventi dell’avvocato Anna Maria Bianchi, rappresentante di Fish Calabria e dell’associazione La Spiga, della dott.ssa Luciana Lo Prete, presidente Fand e Uici sezioni di Catanzaro, dell’avvocato Maurizio Simone, presidente Fand Calabria e Anglat Cosenza, che hanno trattato gli argomenti sull’approccio alle persone con disabilità, la convenzione Onu e la carta di Verona, mentre Gianfranco Pisano, presidente di Soccorso Senza Barriere, ha illustrato i contenuti del Decreto Legislativo n. 1 del 2 gennaio 2018, e della DGR 135/2015. Nella giornata odierna il comando provinciale dei vigili del fuoco di Vibo Valentia chiude l’attività formativa con il tema della sicurezza inclusiva, il soccorso alle persone disabili, le tecniche di trasporto, i punti di presa specifici. Hanno relazionato il geom. Domenico Ferito, e Cse Francesco Lo Bianco. Tiziana Stuppia (associazione Augustus Vibo aderente al SSB), ha trattato il linguaggio Lis. Hanno partecipato al percorso formativo otto vigili del fuoco, otto operatori del 118 e sei volontari di protezione civile. La prossima settimana avrà luogo il debriefing della sperimentazione del percorso formativo, per definire l’esercitazione di soccorso insieme alle persone con disabilità che potrebbe così diventare un format da replicare ed esportare anche fuori regione.  

Informazione pubblicitaria