Carattere

Era stata arrestata nell’ambito dell’inchiesta sul clan Soriano di Filandari della Dda e dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo

Cronaca

Lascia il carcere per gli arresti domiciliari, Graziella Silipigni, 48 anni, di Pizzinni di Filandari, arrestata nel marzo dello scorso anno nell’ambito dell’operazione antimafia della Dda di Catanzaro e dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo denominata “Nemea” contro il clan Soriano. E’ quanto deciso dal Tribunale del Riesame di Catanzaro in accoglimento del ricorso degli avvocati Daniela Garisto e Diego Brancia. La donna è già passata ai domiciliari in un’abitazione fuori dalla Calabria di proprietà della cognata. L’affievolimento delle esigenze cautelari (sulla possibile reiterazione dei reati) si è avuto a seguito di quanto deciso dalla Cassazione che, in accoglimento dei rilievi degli avvocati Brancia e Graisto, ha fatto venir meno in sede cautelare l’aggravante dell’ingente quantità nelle contestazioni relative agli stupefacenti e, quindi, anche l’aggravante delle finalità mafiose rispetto a tutti gli altri reati contestati. A Graziella Silipigni (moglie di Roberto Soriano, scomparso per probabile “lupara bianca”) nell’ambito dell’operazione “Nemea” vengono contestati i reati di associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico (cocaina, eroina, marijuana e hashish), detenzione illegale di armi e stupefacenti. La donna si trova anche imputata in Appello a Catanzaro nel processo nato dall’operazione antimafia denominata “Ragno”. In tale procedimento, la Procura generale di Catanzaro ha già chiesto per Graziella Silipigni (che è anche la madre di Giuseppe Soriano) la condanna a 3 anni e 4 mesi.     LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta: operazione contro il clan Soriano di Filandari, in 15 a giudizio

‘Ndrangheta: operazione “Nemea”, Ciconte passa ai domiciliari

‘Ndrangheta ed enti locali, si dimette il padre del “braccio operativo” del clan Soriano

‘Ndrangheta: clan Soriano, no agli atti di “Nemea” nel processo stralcio di “Ragno”

‘Ndrangheta: il clan Soriano pedinava i carabinieri e pianificava la corruzione dei giudici

Operazione Nemea: le critiche della Dda all’assoluzione del clan Soriano da parte del Tribunale di Vibo

Colpo al clan Soriano, Gratteri: «Progettavano attentato contro caserma dei carabinieri» (VIDEO)

‘Ndrangheta: clan Soriano, ecco tutte le accuse nei confronti degli arrestati

La squadra di calcio del Filandari contro l’inchiesta de IlVibonese.it

‘Ndrangheta: Leone Soriano e le estorsioni a Filandari che «dovevano pagare tutti»

L’ INCHIESTA | Le mani dei clan sul calcio nel Vibonese

‘Ndrangheta: Emanuele Mancuso e i propositi di uccidere Leone Soriano

‘Ndrangheta: Emanuele Mancuso e i progetti di morte contro il boss Peppone Accorinti

‘Ndrangheta: in “Nemea” indagati pure congiunti di consiglieri comunali di Filandari

 

Seguici su Facebook