Carattere

Il sinistro si è verificato nel settembre 2017 con lo scontro fra una moto Ape ed una Fiat Panda. L’imputato ha chiesto il rito abbreviato

Cronaca

Il gup del Tribunale di Vibo Valentia, Pia Sordetti, ha ammesso la costituzione di parte civile del fratello della vittima di un incidente strale, Nicola Mancuso, e dei figli di quest'ultimo, Cesare, Raffaele e Vincenzo, tutti assistiti dall'avvocato Salvatore Sorbilli. Si tratta del procedimento penale per il quale la Procura di Vibo, con il pm Benedetta Callea, nel gennaio scorso ha chiesto il rinvio a giudizio nei confronti di Gregorio Simonetti, 52 anni, di San Gregorio d’Ippona, indagato per l’incidente stradale costato la vita il 3 settembre 2017 a Nicola Mancuso, 58 anni, di San Costantino Calabro. L'uomo è deceduto mentre si trovava ricoverato in ospedale a Catanzaro dove era giunto a seguito dell’incidente stradale verificatosi nel territorio comunale di San Gregorio d’Ippona. La vittima si trovava a bordo della propria moto Ape quando si è scontrato con una Fiat Panda guidata da Simonetti, difeso dagli avvocati Giovambattista Puteri e Vincenzo Montoro. E proprio i difensori dell’imputato hanno chiesto al gup di essere ammessi al giudizio abbreviato, che comporta un processo a porte chiuse dinanzi allo stesso giudice e, in caso di condanna, uno sconto di pena pari ad un terzo. Sulla richiesta della difesa, il gup si è riservato la decisione. 

 

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook