‘Ndrangheta: lascia il carcere Domenic Signoretta di Ionadi

Il 45enne, indicato come l’armiere del boss Pantaleone Mancuso “l’Ingegnere”, è coinvolto pure nell’operazione “Mediterraneo” contro il clan Molè di Gioia Tauro

Il 45enne, indicato come l’armiere del boss Pantaleone Mancuso “l’Ingegnere”, è coinvolto pure nell’operazione “Mediterraneo” contro il clan Molè di Gioia Tauro

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La Corte d’Appello di Catanzaro ha mandato agli arresti domiciliari Domenic Signoretta, 45 anni, di Ionadi – avvocati Francesco Sabatino e Valerio Spigarelli ­- che si trovava detenuto nel carcere di Ancona dopo essere stato condannato in primoe secondo grado a 7 anni di reclusione per la detenzione di un ingente quantitativo di armi. Per l’accusa, Domenic Signoretta è “l’armiere” del boss Pantaleone Mancuso, detto “l’ingegnere”. Su sul conto hanno reso dichiarazioni accusatorie i collaboratori di giustizia Arcangelo Furfaro del clan Molè – che ha diviso con Signoretta un appartamento a Roma -, Andrea Mantella e Raffaele Moscato. 

Informazione pubblicitaria

Il 13 novembre 2017, Domenic Signoretta è stato anche condannato a 12 anni di reclusione dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria in quanto ritenuto responsabile – nell’ambito dell’operazione “Mediterraneo” – di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti con il clan Molè di Gioia Tauro. La Cassazione ha però annullato con rinvio con riferimento all’aggravante dell’agevolazione del clan mafioso dei Molè e sarà pertanto necessario un nuovo processo di secondo grado. Per tale vicenda aveva già ottenuto la detenzione domiciliare. 

LEGGI ANCHE:  ESCLUSIVO | ‘Ndrangheta: “guerra” fra i Mancuso, i perché della fuga del boss in Argentina 

 

‘Ndrangheta: condannato l’armiere del boss Pantaleone Mancuso, alias “l’Ingegnere”