Carattere

Dolore e sgomento nella piccola comunità vibonese per la tragica scomparsa del 30enne, gettatosi dal viadotto dell’autostrada sopra Pizzo

Il Comune di Filogaso, oggi bandiere a mezz'asta
Cronaca

Ha gettato nello sconforto e nel dolore un’intera comunità la tragica morte del 30enne di Filogaso Marco Mari. Il giovane si è tolto la vita la vigilia di Pasqua gettandosi dal viadotto autostradale che sovrasta Pizzo Calabro. Un gesto, rimasto fin qui inspiegato, che ha lasciato increduli i familiari e gli amici del giovane e quanti l’avevano conosciuto che oggi lo descrivono come un ragazzo per bene ed affettuoso, il cui comportamento mai avrebbe lasciato presagire un così triste epilogo. In occasione dei suoi funerali, previsti nel pomeriggio di oggi, lunedì 22 aprile, alle 15.30, nella chiesa matrice del paese, interpretando il sentimento della comunità, il sindaco Massimo Trimmeliti ha proclamato il lutto cittadino. Lo stesso sindaco, evidenziato come l’intera comunità sia rimasta “scossa dalla prematura e tragica scomparsa”, ha ordinato “la sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche eventualmente in programma nell’arco di vigenza del lutto cittadino” e “l’esposizione della bandiera a mezz’asta nella sede comunale”. Trimmeliti ha altresì invitato “tutti i cittadini, le istituzioni pubbliche, i titolari di attività commerciali, le organizzazioni politiche, sociali e produttive e le associazioni tutte, a manifestare il proprio cordoglio nelle forme ritenute più opportune anche quali la sospensione delle attività, con esclusione dei servizi indispensabili ed obbligatori, durante il corso della cerimonia funebre, cioè dalle ore 15:30 alle ore 18:00”. LEGGI ANCHEDramma nel Vibonese, ancora un suicidio dal viadotto autostradale di Pizzo

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook