Scuolabus e asilo comunale: un altro salasso per le famiglie vibonesi

Tariffe alle stelle per il trasporto, forti aumenti anche per le rette del nido. Il Comune continua a tartassare i cittadini

Tariffe alle stelle per il trasporto, forti aumenti anche per le rette del nido. Il Comune continua a tartassare i cittadini

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Non solo refezione scolastica, ma anche scuolabus e asilo nido. Più che aumento è un salasso quello a cui verranno sottoposti i cittadini vibonesi dal prossimo anno. O almeno, quelli che hanno bambini frequentanti le scuole del territorio. Perché in vista dell’approvazione del Bilancio di previsione gli uffici di Palazzo Luigi Razza stanno predisponendo la documentazione necessaria per ogni settore di competenza. Tra gli obblighi, quello di stabilire le tariffe per i servizi a domanda individuale, tra i quali rientrano appunto le rette per l’asilo nido e il trasporto scolastico.

Informazione pubblicitaria

Le battaglie politiche dello scorso anno sono servite a poco: dal 2019/2020 l’asilo nido a Vibo Valentia – la cui retta fino ad oggi era di 129 euro a bambino senza distinzione di reddito – costerà di più. Le tariffe stabilite con delibera del commissario straordinario Giuseppe Guetta vengono determinate in base a fasce di reddito, con l’Isee. E sono le seguenti: da 0 a 3.000 euro di Isee la retta sarà di 129 euro; da 3.001 a 8.000 sarà di 149; da 8.001 a 18.000 sarà di 169; mentre oltre i 18.001 sarà di 180 euro. In pratica soltanto i nullatenenti pagheranno la stessa retta dello scorso anno. Perché se è vero che la retta di Vibo Valentia era tra le più basse d’Italia, è altrettanto vero che impostare delle fasce di reddito relativamente basse significa puntare ad “incassare” il massimo.

Diventa invece esorbitante il costo per il servizio di scuolabus. Perché si parla di un aumento stratosferico: da 2,58 euro al mese a 20 euro tondi tondi. Per come si legge nella delibera, il commissario, sulla scorta della proposta della dirigente, ha stabilito di fissare «la tariffa a carico dell’utenza per il trasporto scolastico degli alunni frequentanti le scuole primarie e secondarie in euro 60 a trimestre (i trimestri sono 3), con la riduzione a euro 47 dal secondo figlio in poi, che utilizzi il servizio e sia residente nel Comune di Vibo Valentia». Viene inoltre precisato che «non sono previste riduzioni di tariffa nel caso in cui ci si iscriva a trimestre già iniziato o si dia disdetta durante il trimestre e nemmeno nel caso in cui si utilizzi un servizio per effettuare un solo percorso (solo andata o solo ritorno)». Insomma, nessuna via di mezzo: da poco più di due euro a venti euro al mese.

LEGGI ANCHEVibo, il “regalo” del Comune alle famiglie: stangata sui buoni mensa