Pizzo, il Comune si unisce all’appello: «Restituite l’agenda alla mamma di Lorenzo»

Il sindaco Gianluca Callipo sul caso del furto alla signora Valentina della documentazione medica del figlio: «Vicinanza alla nostra concittadina»

Il sindaco Gianluca Callipo sul caso del furto alla signora Valentina della documentazione medica del figlio: «Vicinanza alla nostra concittadina»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Anche l’amministrazione comunale di Pizzo si aggiunge al coro di voci che chiedono la restituzione dell’agenda alla signora Valentina Sarlo, un’agenda contenente la storia sanitaria del suo bambino, il piccolo Lorenzo, sottoposto ad importanti cure oncologiche. Il Comune guidato da Gianluca Callipo esprime «vicinanza, affetto e solidarietà alla concittadina Valentina Sarlo ed alla sua famiglia, vittima di un gesto odioso». Callipo si unisce a nome di tutta la città all’appello a far trovare ed a recapitare alla famiglia Sarlo quello «che non può e non potrà mai essere considerato da nessuno oggetto di refurtiva. Nell’essere vicini, tutti, ai sentimenti che in queste ore sta purtroppo vivendo la mamma di Lorenzo e quanti non le fanno mancare amore ed incoraggiamento come amministrazione comunale – continua il primo cittadino – aderiamo e rilanciamo il messaggio #ritroviamolagendinadilorenzo con la speranza che prevalga comunque un minimo di sensibilità, di civiltà e di senso di umanità in quanti si sono comunque resi autori di un comportamento che condanniamo. Si faccia riavere subito a mamma Valentina – conclude Callipo, ringraziando quanti sui social stanno sostenendo l’appello – quell’agenda che per lei e per tutta la comunità di Pizzo rappresenta il valore non solo simbolico ma il significato più autentico del legame straordinario che unisce ogni mamma al proprio figlio».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHERubano l’agenda con le cure del figlio a Roma, l’appello della mamma per ritrovarla