Operazione “Conquista”: torna libero 36enne di Sant’Onofrio

Nel novembre scorso nel processo al clan Bonavota è stato condannato a quattro anni di reclusione 

Nel novembre scorso nel processo al clan Bonavota è stato condannato a quattro anni di reclusione 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Torna in libertà Domenico Febbraro, 36 anni, di Sant’Onofrio, agli arresti domiciliari per l’operazione antimafia denominata “Conquista”. Il Tdl di Catanzaro ha infatti accolto il ricorso dell’avvocato Francesco Muzzopappa sulle esigenze cautelari. Domenico Febbraro il 23 novembre dello scorso anno è stato condannato in primo grado a 4 anni di reclusione con l’accusa di aver materialmente esploso undici copi di pistola all’indirizzo del cancello di ingresso della struttura ricettiva “Popilia Country Resort”. Sul posto sarebbe stato accompagnato da Giuseppe Lopreiato, presunto autista di Domenico Bonavota, quest’ultimo ritenuto il mandante della sparatoria. 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta: “Conquista”, lasciano il carcere Nicola Bonavota e Onofrio Barbieri

‘Ndrangheta: operazione “Conquista” contro i Bonavota, 9 condanne

‘Ndrangheta: operazione “Conquista”, libero Pasquale Bonavota