Nuovo ospedale, nasce il comitato civico

Si avverte la necessità di avviare un «percorso comune per affrontare la nuova sfida della costruzione del nosocomio, dopo le criticità e le lentezze».

Si avverte la necessità di avviare un «percorso comune per affrontare la nuova sfida della costruzione del nosocomio, dopo le criticità e le lentezze».

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nasce il comitato civico pro-ospedale. Alle spalle una significativa esperienza già vissuta, con una motivata determinazione dal basso, nei momenti di particolare difficoltà in ambiti strategici per il nostro territorio. 

Informazione pubblicitaria

Soggetti di rappresentanza che, «nell’esercizio delle specifiche funzioni democratiche, hanno valutato, ancora una volta, la necessità di un percorso comune per affrontare una nuova sfida nella costruzione dell’ospedale “civile” a Vibo Valentia, dopo le sopraggiunte criticità e lentezze di impegnare le somme finanziate, in un decennio di vane promesse».

I suoi promotori si dicono «stanchi di subire umiliazioni. Vogliamo essere una forza attiva e propositiva – dicono – per un nuovo corso della sanità vibonese, al fine di garantire la trasparenza, i tempi e la realizzazione di una struttura fondamentale negli interessi generali della collettività e dei soggetti più deboli. Una città ed un territorio che devono con celerità, politica ed istituzionale, riorganizzare la sanità ed ammodernare il sistema dei servizi pubblici ospedalieri».

E, ancora, si ritiene «necessario voltare pagina e rimettere al centro i bisogni della salute e della dignità del malato, qualificando al meglio le tante energie professionali che ci lavorano. Una riposta vitale per sospingere, motivare e collaborare alla fattiva realizzazione di una opera di modernità negli essenziali bisogni della salute e nella pari fruibilità della assistenza pubblica ospedaliera».

Da qui, la volontà di mettere in piedi un soggetto riconosciuti costituito da ordini professionali (medici ed infermieri), Città capoluogo (conferenza dei sindaci), confederazione sindacale unitaria (Cgil, Cisl e Uil), associazioni (Avis e Rete Civica) e «quanti ancora vogliono condividere un grande manifesto di civiltà per concretizzare una nuova opportunità di salute nel nostro territorio».

Il comitato si presenterà ufficialmente nel corso della prima riunione che si terrà giovedì 18 febbraio alle ore 15 presso il Comune di Vibo.