Violazione della sorveglianza, vibonese assolto in appello

In primo grado era stato condannato dal Tribunale ad un anno ed otto mesi

In primo grado era stato condannato dal Tribunale ad un anno ed otto mesi

Informazione pubblicitaria

La Corte d’Appello di Catanzaro ha assolto Nicola Cilurzo, 48 anni, di Vena Superiore, accusato di violazione della sorveglianza speciale. In primo grado era stato condannato dal Tribunale di Vibo Valentia a un anno ed 8 mesi di reclusione. I giudici di secondo grado, però, accogliendo la richiesta dell’avvocato Francesco Stilo, hanno mandato assolto l’imputato. Nel dicembre del 2017, Cilurzo aveva lasciato il carcere (fra liberazioni anticipate, indulto e pena già scontata) dopo una condanna a complessivi 9 anni di reclusione per reati concernenti gli stupefacenti e le armi.