mercoledì,Giugno 29 2022

Ucciso e gettato in mare a Pizzo, la Cassazione fissa il processo

Il 31 marzo dello scorso anno la Corte d’Assise di Catanzaro per l’omicidio del pensionato di Pizzoni Giglio Palmo Ciancio ha deciso per una condanna a 25 anni di reclusione ed un’assoluzione

Ucciso e gettato in mare a Pizzo, la Cassazione fissa il processo
Gli imputati

Si va in Cassazione per l’omicidio del pensionato 79enne di Pizzoni, Giglio Palmo Ciancio, avvenuto nel 2015 a Pizzo Calabro. La Procura generale di Catanzaro ha infatti chiesto l’annullamento della sentenza con la quale la Corte d’Assise d’Appello il 31 marzo dello scorso anno ha condannato Dorel Varga alla pena di 25 anni di reclusione per omicidio ed ha assolto Gyongyi Stela Rezmuves, di 42 anni, pure lei di nazionalità romena. L Suprema Corte ha fissato il processo per l’8 marzo prossimo.

Il ricorso della Procura generale mira ad ottenere l’affermazione della penale responsabilità di Dorel Varha e anche di Gyongyi Stela Rezmuves per il reato di rapina aggravata ai danni dell’anziano di Pizzoni (poi ucciso e gettato a mare) ed ai danni di Lorenzo Vacatello di Vibo Marina, aggredito alle spalle, colpito con un pugno e poi con reiterati colpi in diverse parti del corpo. La vittima, dopo aver per questo perso conoscenza, è stata rapinata di 50 euro, quattro anelli in oro ed un girocollo munito di due ciondoli del valore complessivo di circa mille euro. La Procura generale ha anche chiesto l’annullamento dell’ordinanza con la quale la Corte d’Appello di Catanzaro il 26 febbraio dello scorso anno ha respinto la richiesta della Procura generale di ascoltare in aula la testimonianza di Angelica Serban, all’epoca compagna di Varga e coinvolta in fatti analoghi di competenza della Procura di Cosenza.

L’inchiesta, condotta dal nucleo di polizia giudiziaria della Procura, è ruotata attorno ai dispositivi cellulari in uso a Dorel Varga: due erano le utenze in suo possesso, una delle quali concessa, unitamente all’apparecchio telefonico, ad una donna, della quale Varga non ha mai voluto svelare le generalità, che era in compagnia della vittima (Giglio Palmo Ciancio) negli orari coincidenti con la sua morte.
Il delitto di Ciancio, colpito alla nuca con un corpo contundente e rapinato di 800 euro, avvenne a Pizzo Calabro, in località “Stazione”, fra il 5 ed il 6 agosto 2015. Il corpo della vittima è stato ritrovato sul fondo di una scogliera. I due romeni sono stati poi arrestati nel febbraio 2016 dopo l’esclusione della tesi del suicidio. In primo e secondo grado i giudici hanno condannato Varga a 25 anni di reclusione e assolto la Rezmuves per la quale la sua individuazione da parte dei filmati delle varie telecamere non era stata certa, ma nei cui confronti il pm di Vibo aveva presentato ricorso in Appello. Varga è difeso dall’avvocato Giuseppe Di Renzo, la Rezmuves dall’avvocato Nino Catalano mentre la famiglia della vittima è assistita dall’avvocato Francesco Sorrentino.

Articoli correlati

top