lunedì,Agosto 8 2022

Rinascita Scott: botta e risposta fra gli avvocati Staiano e Stilo e la promessa di una denuncia…

Toni accesi nel corso del controesame dell’imputato che ha ribadito quanto avrebbe appreso dal boss Carmelo Lo Bianco

Rinascita Scott: botta e risposta fra gli avvocati Staiano e Stilo e la promessa di una denuncia…
Francesco Stilo

Non delude le attese il controesame dell’avvocato Salvatore Staiano all’imputato – ed avvocato – Francesco Stilo nel corso del maxiprocesso Rinascita Scott. Nell’aula bunker di Lamezia Terme, dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia, il controesame si è concluso con l’avvocato Staiano che è andato via senza ascoltare l’ultima risposta di Stilo. “Vado via prima di sentire la risposta di Stilo perché avverto dentro di me – ha affermato Staino – sensazioni penose”. Poco prima l’avvocato Staiano aveva dato del bugiardo all’avvocato Stilo. “Io non ho mai permesso a nessuno di darmi del bugiardo – ha ribattuto Stilo – e sarà mia cura denunciare l’avvocato Staiano”.

Il controesame si era aperto con una domanda dell’avvocato Staino in ordine al significato attribuito da Stilo circa la frase “Ho sempre collaborato”. “Cosa significa” ha chiesto Staiano. Questa la risposta di Francesco Stilo: “Volevo dire che ho sempre denunciato. Non sono un collaboratore di giustizia, ma non per mia scelta. Non ho sottoscritto alcun contratto con lo Stato, non ho commesso nessun reato ma dico pure che hanno fatto bene ad arrestarmi perché sulla mia posizione c’è grande confusione”. Ribatte l’avvocato Staiano: “Se hanno fatto bene ad arrestarla sono fatti suoi. Quindi se ha sempre denunciato e collaborato – ha chiesto Staiano – vuol dire che ha denunciato pure i crimini dei suoi clienti? Oppure tutti i suoi clienti erano innocenti? Quanti ne ha traditi”? Pronta la risposta di Stilo: “Io non ho mai tradito nessuno e ritengo di aver difeso persone innocenti, per il resto c’è il segreto professionale”. Dopo l’invito rivolto dall’avvocato Paola Stilo (difensore di Francesco Stilo) al Collegio a non consentire all’avvocato Staiano di portare avanti un “attacco etico” nei confronti del proprio assistito, l’avvocato Francesco Stilo ha affermato: “Ho saputo da Carmelo Lo Bianco che Giancarlo Pittelli era un corruttore perché così il Lo Bianco diceva. Lo stesso Lo Bianco affermava che aveva ottenuto delle scarcerazioni, finendo agli arresti domiciliari, attraverso accordi corruttivi”.

Dopo l’ennesimo “siparietto” con Staiano pronto ad alzare i toni: “Non le do tregua – ha affermato rivolgendosi a Stilo – e lei deve tacere quando parlo io” e con Stilo pronto a ribattere: “Cos’è? Un ordine”, il controesame è proseguito con altre dichiarazioni di Stilo: “Non lo so se il perito Strati è o meno un colonnello che è il maggiore collaboratore della Dda di Reggio Calabria, come afferma lei, avvocato Staiano. Io sto riferendo quanto mi raccontò Carmelo Lo Bianco. Io non ho calunniato nessuno”. Ribatte Staiano: “Lei non capisce neppure l’italiano…”. [Continua in basso]

Il giudice Brigida Cavasino

Toni accesi e voci pronte a sovrapporsi, con la presidente del Collegio, Brigida Cavasino, che fatica a riportare la calma e con l’avvocato Stilo pronto a chiamare in causa giudici e altri legali (non imputati) che avrebbero preso parte nel 2010 – secondo quanto appreso da Lo Bianco – ad accordi corruttivi. “Lei scarica tutto su u soggetto morto – ha affermato Staiano facendo riferimento a Carmelo Lo Bianco – e non è vero che il giudice Petrini in appello ha riformato la sentenza nei confronti di Carmelo Lo Bianco, ma l’ha invece confermata”. Replica da parte di Stilo: “Per me Carmelo Lo Bianco nei racconti che mi ha fatto non ha mentito, perché le sentenze di Nuova Alba sono diverse ed ha sbagliato pure il Ros nel non trovare Pittelli quale difensore di Carmelo Lo Bianco, perché io invece vi ho oggi prodotto la sentenza dove Pittelli difendeva Lo Bianco e la corruttela non è consistita nel confermare o meno la sentenza, ma nel continuare a mantenere gli arresti domiciliari attraverso una falsa perizia”. Sbotta quindi l’avvocato Staino: “Ho finito perché ne ho sentite davvero tante, lei è un bugiardo che cambia versione”. L’avvocato Francesco Stilo ha quindi ribattuto che sarà sua cura denunciare l’avvocato Staiano per avergli dato del bugiardo. E le “sorprese”, quindi, potrebbero non essere finite qui.

Articoli correlati

top