mercoledì,Luglio 24 2024

Processo “Gringia”, chiesti undici ergastoli

La richiesta formulata dal pm della Dda di Catanzaro, Camillo Falvo, a carico di esponenti delle consorterie dei Patania di Stefanaconi e dei Mancuso.

Processo “Gringia”, chiesti undici ergastoli

Ammonta ad un totale di 11 ergastoli la richiesta formulata dal pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia, Camillo Falvo, a carico di altrettanti imputati convolti nel processo scaturito dalle operazioni “Gringia” e “Dietro le quinte” tesa a colpire il clan Patania dopo i fatti di sangie che hanno coinvolta la stessa cosca di Stefanaconi e il gruppo rivale dei Piscopisani.

Richieste di carcere a vita, dunque, per Giuseppina Iacopetta, 61 anni, vedova del defunto boss Fortunato Patania (ucciso il 18 settembre del 2011); i figli Nazzareno, Saverio, Salvatore e Giuseppe Patania, di 42, 39, 37 e 35 anni, tutti di Stefanaconi; Cosimo Francesco Caglioti, 27 anni, di Sant’Angelo di Gerocarne; Salvatore Callea, 48 anni, di Oppido Mamertina; Francesco Lopreiato, 29 anni, di San Gregorio d’Ippona; Cristian Loielo, 25 anni, di Sant’Angelo di Gerocarne; Giuseppe Comito, 40 anni, di Vibo Marina; Pantaleone Mancuso “Scarpuni”, 55 anni, di Nicotera Marina.

top