domenica,Maggio 19 2024

Si è spenta in ospedale a Vibo la mamma di Maria Chindamo

Era stata trasferita allo Jazzolino per una risonanza dopo la rottura di un apparecchio medico all’ospedale di Polistena. La signora Pina De Francia ha lottato sino alla fine per chiedere verità e giustizia sulla scomparsa della figlia. Se ne va una donna coraggiosa profondamente segnata da una tragedia immane rimasta al momento senza un perché

Si è spenta in ospedale a Vibo la mamma di Maria Chindamo
La signora Pina De Francia e Maria Chindamo

Si è spenta in ospedale a Vibo Valentia la signora Pina De Francia, la mamma di Maria Chindamo, l’imprenditrice e commercialista di Laureana di Borrello rapita e scomparsa la mattina del 6 maggio 2016 dinanzi al cancello della sua azienda agricola di Limbadi. Un caso rimasto ad oggi impunito. La signora De Francia circa due settimane fa aveva avuto una lieve ischemia successiva a una polmonite. Per due settimane all’ospedale di Polistena sarebbe però stata rimandata una diagnosi in attesa della riparazione di un apparecchio medico rotto. Ieri, quindi, il trasferimento a Vibo per effettuare la risonanza, ma era ormai troppo tardi. Il dolore per la tragedia della figlia aveva profondamente segnato la signora Pina De Francia, alla continua ricerca in questi anni, con grande coraggio e forza d’animo – insieme all’altro figlio Vincenzo ed ai familiari – , di verità e giustizia per la sua Maria che ora ha raggiunto in cielo. Tanti i suoi accorati appelli in questi anni per rompere il muro dell’omertà ed invitare chi sa a raccontare la verità sulla sorte toccata a Maria Chindamo. La redazione de Il Vibonese.it si stringe attorno a Vincenzo Chindamo ed ai familiari tutti per la grave perdita.

LEGGI ANCHE: Maria Chindamo, i verbali inediti del collaboratore Cossidente e la scomparsa per i terreni

Scomparsa di Maria Chindamo, Amalia Bruni: «Una donna che ha lottato per i suoi valori»

Limbadi, a sei anni dalla scomparsa il ricordo di Maria Chindamo: «Uccisa una donna libera» – Video

Maria Chindamo ancora senza giustizia alla vigilia del sesto anniversario dalla scomparsa

All’Università della Calabria un premio di laurea intitolato a Maria Chindamo

Articoli correlati

top