sabato,Maggio 8 2021

Pizzo, interventi sulla viabilità rurale con fondi Piar

Due strade interpoderali saranno rimesse a nuovo grazie ad un finanziamento di 180mila euro. Soddisfatti Pascale e Callipo.

Pizzo, interventi sulla viabilità rurale con fondi Piar

Inizieranno domani a Pizzo nuovi interventi per 180mila euro, finanziati nell’ambito dei Progetti integrati per le aree rurali (Piar). A darne notizia è l’assessore ai Lavori pubblici Maria Pascale, che specifica l’obiettivo dell’intervento, finalizzato a migliorare la viabilità lungo le strade interpoderali presenti nelle contrade Bevivino e Cincinnà, nonché a mitigare il rischio idrogeologico.

«In particolare – spiega Pascale -, saranno ammodernate e asfaltate due strade, una delle quali ancora interamente sterrata per la quale sarà realizzata anche la massicciata, per un totale di circa un chilometro e mezzo. Inoltre, saranno istallate gabbie di metallo per evitare movimenti franosi e saranno costruite le cunette per convogliare le acque meteoriche, con le relative condotte di regimentazione delle acqua meteoriche».

Questa è la seconda volta nel corso dell’attuale consiliatura, che l’Amministrazione guidata dal sindaco Gianluca Callipo partecipa con successo ai bandi Piar. Complessivamente, i fondi Piar attirati dal Comune negli ultimi tre anni ammontano a circa 360mila euro. Soddisfazione è stata espressa dal primo cittadino, che ha rimarcato la capacità del Comune di attingere ai finanziamenti disponibili, «con buona pace – ha aggiunto – di chi nega questa evidenza con fini evidentemente strumentali».

A questo proposito, Callipo ha ricordato che negli ultimi tre anni l’Amministrazione di Pizzo è riuscita ad attivare finanziamenti pubblici per circa 3 milioni di euro, a cui vanno aggiunti i 2,5 milioni di euro derivanti dal project financing che consentirà di completare il nuovo cimitero e riqualificare quello esistente, nonché i 500mila euro che dovrebbero essere destinati a Pizzo per il contenimento dei rischio idrogeologico nel quartiere Trentacapilli. «Chi non vuol vedere queste cose continuerà a non vederle – ha concluso Callipo -, ma a noi importa poco, ciò che conta è andare avanti con sempre maggiore convinzione per completare quella rinascita economica, sociale e culturale che Pizzo sta vivendo».

Articoli correlati

top