Controlli nei centri turistici del Vibonese, sanzioni della Polizia

Da Nicotera a Tropea, da Pizzo a Serra San Bruno, tutti i reparti della Questura impegnati nell’attività. Oltre 1.500 veicoli controllati, multe anche a tre prostitute in località “Colamaio”

Da Nicotera a Tropea, da Pizzo a Serra San Bruno, tutti i reparti della Questura impegnati nell’attività. Oltre 1.500 veicoli controllati, multe anche a tre prostitute in località “Colamaio”

Informazione pubblicitaria

In concomitanza con il periodo di massimo afflusso nelle tante località turistiche della provincia, il questore di Vibo Valentia Annino Gargano ha disposto l’intensificazione dei servizi di vigilanza e di controllo del territorio della Polizia di Stato. Impegnate nel dispositivo di prevenzione le pattuglie della Squadra Volante della Questura, del commissariato di Serra San Bruno e del posto fisso di Tropea, coadiuvate dagli equipaggi del Reparto prevenzione crimine “Calabria Centrale” e dalle unità cinofile antidroga e antiesplosivo dell’Ufficio prevenzione generale; servizi in borghese, di contrasto alla criminalità diffusa e allo spaccio di stupefacenti, sono stati effettuati dagli uomini della Squadra Mobile e della Squadra di pg del commissariato; come sempre, fondamentale l’apporto della Polizia stradale, che ha assicurato la vigilanza sulla viabilità ordinaria ed i controlli sul tasso alcolemico dei conducenti, garantendo, in ambito autostradale, l’ordinato flusso del traffico dei vacanzieri secondo le direttive del “Piano di esodo estivo 2019”, approvato in Prefettura e reso operativo dall’ordinanza del questore, con il concorso dell’Arma dei carabinieri e della Guardia di finanza

Rilevanti i risultati operativi, che hanno visto impegnate complessivamente da lunedì a venerdì 92 pattuglie della Polizia. Il personale operante, impiegato nei comprensori di Tropea, Capo Vaticano, Nicotera, Vibo Marina, Pizzo e Serra San Bruno, ha eseguito 87 posti di controllo o di blocco e identificato 1.277 persone con servizi coordinati sul posto da funzionari della Questura; con l’aiuto del sistema di rilevazione automatica delle targhe “Mercurio”, sono stati ben 1.547 i veicoli controllati; effettuate 18 perquisizioni e 5 sequestri, tra cui quello di circa 10 grammi di marijuana; 103 i controlli a soggetti sottoposti a misure di prevenzione o agli arresti domiciliari e 128 le contravvenzioni contestate ai sensi del codice della strada; ritirati 15 documenti. Sono state deferite all’autorità giudiziaria 4 persone, tra cui, a Tropea, un sorvegliato speciale sorpreso ad accompagnarsi ad altro pregiudicato. Con la collaborazione della Polizia municipale di Pizzo, sono state tre le sanzioni amministrative elevate a cittadine straniere, sorprese in località Colamaio ad esercitare la prostituzione in violazione dell’ordinanza contingibile 7/2019 emessa dal sindaco; è in programma l’attuazione di servizi congiunti anche con la Polizia municipale di Tropea. 

L’attività di controllo proseguirà, ancora più intensa, nella settimana di Ferragosto, in cui sarà data attuazione all’ordinanza del questore che prescrive, tra l’altro, la vigilanza ad obiettivi istituzionali, a sedi di partiti e movimenti politici, a monumenti, musei e luoghi di interesse turistico, a tutti i siti caratterizzati da alto afflusso di persone, tra cui le stazioni ferroviarie, i porti di Vibo Marina e Tropea, i terminal degli autobus, sensibilizzando in generale i servizi di contrasto alla criminalità diffusa.