sabato,Maggio 25 2024

Inchiesta sul naufragio a Cutro: perquisite sedi Gdf, Guardia costiera e Frontex

Le indagini della Procura di Crotone puntano ad accertare eventuali responsabilità per i ritardi nei soccorsi

Inchiesta sul naufragio a Cutro: perquisite sedi Gdf, Guardia costiera e Frontex
Il luogo della tragedia

La Procura della Repubblica di Crotone ha disposto perquisizioni nei comandi provinciali della Guardia di finanza, della Guardia costiera e negli uffici di Frontex nell’ambito dell’inchiesta avviata all’indomani del naufragio avvenuto a Steccato di Cutro lo scorso 26 febbraio nel quale hanno perso la vita 94 migranti mentre un’altra decina risultano tuttora dispersi. L’inchiesta è finalizzata all’accertamento di eventuali responsabilità per i ritardi nei soccorsi. Il decreto di perquisizione, firmato dal sostituto procuratore Pasquale Festa, viene eseguito in queste ore dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Crotone. Le perquisizioni, da quel poco che emerge dalla Procura della Repubblica, stanno interessando le sedi locali della Guardi di finanza, della Guardia costiera e di Frontex e servono a raccogliere elementi per verificare la possibilità di iscrivere come ipotesi di reato l’omissione di soccorso. L’imbarcazione che naufragò sulla spiaggia di Steccato di Cutro venne avvistata da Frontex nella notte del 25 febbraio; la segnalazione dell’agenzia europea che si occupa delle frontiere, fu raccolta dalla Guardia di finanza che inviò verso l’imbarcazione due unità navali da Taranto e Crotone. I mezzi militari, però, tornarono indietro, ufficialmente per condizioni meteo marine avverse. Nel frattempo il caicco continuava la sua navigazione verso la costa calabrese seguita da un aereo Frontex che, però, per problemi di carburante fu costretto a tornare alla base. In questo frangente la Guardia costiera non venne mai allertata per un intervento Sar. La motovedetta della Guardia costiera intervenne circa 6 ore dopo l’avvistamento solo a seguito dell’allarme lanciato da alcuni pescatori che si trovavano sulla spiaggia di Steccato.

LEGGI ANCHE: Naufragio Cutro, non è minorenne il presunto scafista indagato

Naufragio a Cutro, presentato esposto a Gratteri sull’operato di Piantedosi e Salvini

Articoli correlati

top