Il cardinale Mamberti a San Nicola da Crissa per la festa del Crocifisso

Conclusione dei festeggiamenti del 350° anniversario della fondazione dell’omonima confraternita

Conclusione dei festeggiamenti del 350° anniversario della fondazione dell’omonima confraternita

Informazione pubblicitaria

La conclusione dei festeggiamenti in onore del SS. Crocifisso a San Nicola da Crissa presenta le caratteristiche della massima solennità, come del resto si conviene alla ricorrenza che si sta celebrando, quella del 350° anniversario della fondazione dell’omonima confraternita. Nella giornata odierna sarà presente nel centro delle Serre vibonesi il cardinale Dominique Mamberti, prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, il quale presiederà la celebrazione conclusiva del settenario festivo. Ad accogliere il porporato sarà lo stesso vescovo della diocesi miletese monsignor Luigi Renzo. Nel corso della liturgia sarà impartita la benedizione papale a cui è annessa l’indulgenza plenaria: è in corso, infatti, il giubileo concesso alla chiesa parrocchiale di San Nicola da Crissa dalla Penitenzieria Apostolica (dicastero vaticano preposto, fra l’altro, alla materia delle indulgenze) su richiesta del vescovo Renzo. L’anno giubilare si protrarrà fino al 3 maggio 2020 e fino a tale data i fedeli che si recheranno in pellegrinaggio a venerare il Crocifisso potranno lucrare le indulgenze previste dal decreto vaticano.

Il cardinal Mamberti, la cui famiglia è originaria della Corsica, ha svolto la sua carriera nel servizio diplomatico della Santa Sede, servendo in numerose rappresentanze fino ad essere nominato nunzio nel 2002 con la dignità di arcivescovo. Nel 2006 Benedetto XVI lo ha nominato segretario per i rapporti con gli Stati (si tratta del c. d. «ministro degli esteri» della Santa Sede), ruolo nel quale lo ha confermato papa Francesco nel 2013. Lo stesso papa Bergoglio lo ha quindi nominato nel 2014 prefetto della Segnatura Apostolica e nel 2015 gli ha conferito la porpora cardinalizia. La Segnatura Apostolica è il dicastero vaticano che assomma le competenze di supremo tribunale, particolarmente nell’ambito del contenzioso amministrativo, e di ministero della giustizia per l’intero orbe cattolico. La confraternita presieduta da Domenico Galati si dice particolarmente onorata di poter accogliere nuovamente un cardinale a distanza di circa quarant’anni dalla visita del cardinale Giuseppe Paupini, all’epoca penitenziere maggiore di Santa Romana Chiesa, il quale presiedette la processione del sabato santo nel 1981: “Siamo onorati di ospitare a San Nicola da Crissa una personalità così importante. La nostra festa quest’anno non poteva concludersi in modo migliore. Siamo felici di aver ottenuto dalla Santa Sede l’Anno Giubilare, in occasione dei 350 anni dalla fondazione della Confraternita, e ora di avere con noi il cardinale Mamberti che ci impartirà la benedizione papale”.  

LEGGI ANCHE: La Confraternita di San Nicola da Crissa compie 350 anni, al via i festeggiamenti