Sequestrata l’ennesima piantagione di cannabis nel Vibonese

Operazione dei carabinieri di Fabrizia e Serra San Bruno: oltre 90 le piantine rinvenute. Erano confuse tra rovi e vegetazione alta

Operazione dei carabinieri di Fabrizia e Serra San Bruno: oltre 90 le piantine rinvenute. Erano confuse tra rovi e vegetazione alta

Informazione pubblicitaria

I militari della Stazione dei carabinieri di Fabrizia, agli ordini del maresciallo Giuseppe Pelaia e coordinati dal comandante della Compagnia di Serra San Bruno Mattia Ivano Losciale hanno rinvenuto una piantagione di canapa indiana sita in località “Cellia”, a Fabrizia.

La coltivazione illegale era costituita da oltre 90 piante di diverse dimensioni, molte delle quali erano già alte. Le piante erano ben occultate alla vista da una fitta vegetazione, costituita per lo più da rovi e da arbusti molto alti che rendevano l’area quasi inaccessibile facendo si che la piantagione di cannabis fosse invasa dalla presenza di altri tipi di erbe per confondere le piante con la restante vegetazione.

La piantagione che è stata rinvenuta ed è stata sequestrata su disposizione dell’autorità giudiziaria di Vibo Valentia. I militari dell’Arma hanno accertato che i responsabili, che i carabinieri contano di assicurare alla giustizia nel più breve tempo possibile, provvedevano ad innaffiare regolarmente la coltivazione.

Quello effettuato dai carabinieri di Fabrizia è solo l’ultimo dei molti rinvenimenti di canapa indiana effettuato nella provincia di Vibo Valentia nel corso dell’estate. I sequestri fanno pensare come questo sia il periodo più fecondo per i responsabili dell’attività illecita di coltivazione di questo tipo di stupefacente che ormai è di largo consumo soprattutto tra i giovani.