sabato,Giugno 22 2024

Giovanni Mancuso passa agli arresti domiciliari

Ad agosto era finito in carcere per aver violato la detenzione alla quale è sottoposto dopo una condanna definitiva per usura

Giovanni Mancuso passa agli arresti domiciliari
Nel riquadro Giovanni Mancuso

Ripristinati gli arresti domiciliari per motivi di salute Giovanni Mancuso, 83 anni, di Limbadi, arrestato e condotto in carcere il 21 agosto scorso per aver violato la detenzione domiciliare finendo poi per litigare con un militare dell’Arma. La decisione della nuova sottoposizione agli arresti domiciliari è del Tribunale di Sorveglianza. E’ difeso dagli avvocati Giuseppe Di Renzo, Maurizio Nucci, Francesco Schimio. Giovanni Mancuso è stato condannato in via definitiva a 9 anni per usura nel processo Black money e deve ancora scontare 4 anni. Annovera precedenti penali per vari reati, dal sequestro di persona a scopo di estorsione (condanna del 1975) alla violazione della sorveglianza speciale, dal furto al pascolo abusivo, dalla spendita di monete false alla ricettazione, dal porto abusivo di armi ad illeciti edilizi. Nel luglio dello scorso anno gli sono stati confiscati beni per quasi dieci milioni di euro. Giovanni Mancuso è il fratello più grande di Luigi Mancuso, principale imputato dell’operazione Rinascita Scott. E’ anche il padre di Giuseppe Mancuso, 32 anni, anche lui imputato in Rinascita Scott.

LEGGI ANCHE: Beni ceduti a Giovanni Mancuso, c’è pure chi si è suicidato

Narcotraffico dal Brasile all’Albania, il ruolo di due vibonesi arrestati nell’inchiesta Magma

top