Controlli in lidi e villaggi vacanze: sequestrata una discoteca e denunciato un Dj

La Guardia di finanza di Vibo ha inoltre scoperto 24 lavoratori in nero, segnalato 2 titolari di strutture e comminato sanzioni per oltre 80mila euro

La Guardia di finanza di Vibo ha inoltre scoperto 24 lavoratori in nero, segnalato 2 titolari di strutture e comminato sanzioni per oltre 80mila euro

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo economico del territorio durante il periodo estivo e nelle zone a maggior concentrazione turistica, i finanzieri del Comando provinciale di Vibo Valentia hanno effettuato diversi controlli, soprattutto notturni, presso strutture turistiche della costa vibonese, finalizzati alla verifica dell’osservanza delle normative in materia di lavoro, sicurezza degli utenti e tutela del diritto d’autore.

Informazione pubblicitaria

Dalle verifiche dirette a riscontrare il regolare assolvimento degli obblighi dei datori di lavoro è emerso che su 29 lavoratori dipendenti identificati ben 24 erano completamente in nero. Nel corso delle attività, inoltre, è stata sottoposta a sequestro un’area adibita a discoteca che non era dotata delle indispensabili misure di sicurezza a tutela dell’incolumità e della sicurezza pubblica degli avventori (uscite di sicurezza, apposito impianto antincendio, impianto elettrico conforme alle norme vigenti, ecc.).

I titolari dell’esercizio sono stati denunciati a piede libero. Le Fiamme Gialle hanno inoltre proceduto, in occasione di un controllo, alla verifica della regolare applicazione della Legge sul Diritto d’autore. In particolare, hanno riscontrato che il Dj che animava la serata non era iscritto alla cassa Inps (ex Enpals) quale professionista del settore e non aveva provveduto al pagamento dei diritti d’autore alla Siae, necessario per il legittimo utilizzo dei file musicali utilizzati per l’intrattenimento; pertanto lo hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica per aver abusivamente duplicato, riprodotto, trasmesso e diffuso in pubblico opere dell’ingegno, sottoponendo anche a sequestro i supporti informatici contenenti i file musicali. A seguito delle violazioni di varia natura rilevate nel corso dei servizi della specie, sono state comminate anche sanzioni amministrative per oltre 80 mila euro.