venerdì,Maggio 24 2024

Gli affari delle cosche in Lombardia, 11 arresti e 153 indagati nell’operazione della Dda

Nell’ambito dell’inchiesta sono stati sequestrati beni per un valore complessivo di oltre 225 milioni di euro

Gli affari delle cosche in Lombardia, 11 arresti e 153 indagati nell’operazione della Dda

I carabinieri di Milano e Varese hanno eseguito undici ordinanze di custodia in carcere, sequestrato beni per un valore complessivo di oltre 225 milioni di euro e notificato l’avviso di conclusione indagini nei confronti di 153 indagati. Si tratta di un’indagine coordinata dalla Dda che riguarda un contesto criminale attivo prevalentemente nel territorio lombardo, formato da persone legate alle organizzazioni di stampo mafioso cosa nostra, ‘ndrangheta e camorra. Per il gip, però, non vi è un “patto” tra le tre mafie in Lombardia, contestato nella nuova inchiesta della Dda milanese, smontata, invece, dal gip di Milano Tommaso Perna che ha respinto oltre 140 richieste di arresti per altrettanti indagati. Il giudice, infatti, ha disposto il carcere solo per undici persone, ma non per associazione mafiosa e solo per altri reati. La Dda, ha deciso, comunque, di chiudere le indagini, contestando sempre “l’alleanza” tra le tre mafie e di fare ricorso al Riesame per le richieste di custodia cautelare respinte. Sono state effettuate 60 perquisizioni con l’impiego di oltre 600 carabinieri sull’intero territorio nazionale. Si tratta, nella definizione degli inquirenti, del cosiddetto “sistema mafioso lombardo” che “gestisce risorse finanziare, relazionali ed operative, attraverso un vincolo stabile tra loro caratterizzato dalla gestione ed ottimizzazione dei rilevanti profitti derivanti da sofisticate operazioni finanziarie realizzate mettendo in comune società, capitali e liquidità”.

Le accuse

Secondo le accuse nelle indagini, il patto tra mafie avrebbe avuto anche lo scopo, tra i tanti, di mantenere “contatti con esponenti del mondo politico, istituzionale, imprenditoriale, bancario, in modo da ottenerne favori, notizie riservate, erogazioni di finanziamenti, rete di relazioni” e di condizionare “il libero esercizio di voto”. Agli atti intercettazioni come “abbiamo un bel pacchetto di voti, perché posso portare o senatori in Europa”. Parole di Filippo Crea, presunto ‘ndranghetista, indagato. Tra le decine di attività illecite che, secondo la Dda, il “sistema” di mafie avrebbe portato avanti, c’è anche l’acquisizione di “appalti pubblici e privati, anche attraverso l’attivazione di canali istituzionali”. (Ansa)

LEGGI ANCHE: Truffa sui bonus edilizi nel Cosentino, 5 indagati e sequestri per 700mila euro

Evasione fiscale in Calabria: blitz della Guardia di finanza anche nel Vibonese

Produzione e traffico di droga: 11 arresti tra Reggio Calabria, Vibo e Siracusa

Articoli correlati

top