domenica,Febbraio 25 2024

Cassano allo Ionio, incendiata l’auto del giornalista Luigi Cristaldi

L'autovettura del cronista è andata completamente distrutta. Sul grave episodio stanno indagando le forze dell'ordine

Cassano allo Ionio, incendiata l’auto del giornalista Luigi Cristaldi
Foto di repertorio

Ennesimo atto intimidatorio ai danni di un giornalista in Calabria. Stavolta a essere preso di mira è stato il giornalista Luigi Cristaldi, corrispondente della “Gazzetta del Sud” dall’area della Sibaritide e autore di numerosi servizi e reportage su fatti di criminalità comune e organizzata. In nottata ignoti malviventi hanno appiccato il fuoco all’auto, una Polo, in uso a Cristaldi e parcheggiata nelle vicinanze dell’abitazione del giornalista. L’intervento, pur rapido, di forze dell’ordine e vigili del fuoco, non ha potuto impedire che la vettura andasse praticamente distrutta. “L’Ordine dei Giornalisti della Calabria, nel condannare l’ennesimo e gravissimo episodio, si augura che gli autori del vile gesto siano quanto prima individuati e assicurati alla giustizia. Al collega Luigi Cristaldi, che comunque nello svolgimento del proprio lavoro non si farà certo intimidire o condizionare da quanto accaduto, la solidarietà piena e convinta del presidente e del Consiglio dell’Ordine dei Giornalisti della Calabria”. Il sindaco di Cassano, Gianni Papasso, ha espresso la sua indignazione, definendo gli autori di questo gesto come portatori di “atti di viltà e di vigliaccheria”, enfatizzando la necessità di una condanna forte e determinata. il sindacato Giornalisti della Calabria esprime “solidarietà vicinanza a Luigi Cristaldi e a tutti i giornalisti che, con impegno e professionalità, svolgono il loro fondamentale lavoro“. Il segretario regionale, Andrea Musumeci, evidenzia: “Siamo al fianco di Luigi Cristaldi in questa battaglia per la libertà di informazione. Condanniamo senza riserve questo vile gesto, chiedendo alle istituzioni di fare luce sull’incidente e garantire la sicurezza di chi si dedica a informare la pubblica opinione”. Solidarietà a Luigi Cristaldi espressa anche dal consigliere nazionale FNSI, Anna Russo: “È un momento critico per la libertà di stampa. La società civile e le istituzioni devono unire le forze per contrastare atti così vili, costruendo insieme un ambiente in cui i giornalisti possano svolgere il loro ruolo senza timori o intimidazioni”.

LEGGI ANCHE: “La matita rossa e blu”, a Reggio il premio giornalistico alla memoria di Pietro Bellantoni

top