martedì,Aprile 16 2024

‘Ndrangheta: la Cassazione conferma il carcere duro per il vibonese Rosario Pugliese

E' ritenuto a capo dell'omonima 'ndrina di Vibo Valentia federata al clan Lo Bianco-Barba

‘Ndrangheta: la Cassazione conferma il carcere duro per il vibonese Rosario Pugliese
Rosario Pugliese

Resta detenuto in regime di carcere duro Rosario Pugliese, 58 anni, ritenuto al vertice della ‘ndrina dei c.d. “Cassarola” attiva a Vibo Valentia e principalmente nel quartiere Affaccio (federata al clan Lo Bianco-Barba). La prima sezione penale della Cassazione ha infatti rigettato il ricorso di Rosario Pugliese avverso l’ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Roma (23 marzo dello scorso anno) che aveva respinto il reclamo proposto da Rosario Pugliese avverso il decreto del ministro della Giustizia emesso il 4 aprile 2022 per la sottoposizione al regime previsto dall’articolo 41 bis dell’ordinamento penitenziario sul presupposto del suo inserimento ai massimi livelli di responsabilità nella cosca di ‘ndrangheta Lo Bianco-Barba, operativa a Vibo Valentia. Rosario Pugliese era stato arrestato nel dicembre 2020 a Bivona dopo quasi un anno di latitanza essendo sfuggito il 19 dicembre 2019 alla maxi-retata scaturita dall’operazione Rinascita Scott all’esito della quale in primo grado è stato condannato nel novembre scorso a 28 anni di reclusione. La Cassazione, nel respingere il ricorso dell’avvocato Alessandro Diddi, ha sottolineato che ai fini dell’applicazione del regime penitenziario differenziato, l’attualità del collegamento con l’organizzazione criminale non va confusa con l’attualità e la concretezza dei contatti malavitosi, poiché la finalità di tale regime, essendo di natura preventiva, è quella di impedire il realizzarsi o il mantenersi di tale collegamento nonostante lo stato di detenzione”. Nessun rilievo ha poi l’assoluzione incassata in appello da Rosario Pugliese nel processo “Nuova Alba”, trattandosi di condotte che si fermavano al 2007.

LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta: Cassazione conferma il carcere duro per vertice del clan Anello di Filadelfia

‘Ndrangheta: deceduto il boss Giulio Bellocco di Rosarno

‘Ndrangheta: carcere duro per i boss La Rosa di Tropea

La “trasformazione” di Pasquale Bonavota a Genova, mentre i carabinieri interrogano la moglie

 

top