mercoledì,Aprile 24 2024

Asp di Vibo e infiltrazioni mafiose: prorogato di ulteriori tre mesi l’accesso agli atti

Azienda sanitaria provinciale sotto la "lente d'ingrandimento" della Prefettura. Tutto nasce dalle risultanze investigative dell'inchiesta Maestrale-Carthago della Dda di Catanzaro. Ecco quanto si trova nelle carte dell'indagine antimafia

Asp di Vibo e infiltrazioni mafiose: prorogato di ulteriori tre mesi l’accesso agli atti
La Prefettura di Vibo

Altri tre mesi di tempo per indagare sull’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia al fine di accertare condizionamenti criminali o infiltrazioni mafiose. A concedere la proroga è stata la Prefettura di Vibo Valentia che il 22 novembre scorso aveva disposto l’accesso agli atti attraverso la nomina – da parte del prefetto Giovanni Paolo Grieco – di un’apposita Commissione dopo una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e dopo il via libera ottenuto dal Ministero dell’Interno.  Una decisionequella dell’invio di una Commissione di accesso agli atti all’Asp di Vibo – che avevamo prefigurato già dal maggio scorso dando conto delle risultanze contenute nell’inchiesta antimafia denominata Maestrale-Carthago (LEGGI QUI: Inchiesta Maestrale, la Dda: «Asp di Vibo condizionata in modo totale da criminalità organizzata e politica») condotta dai carabinieri con il coordinamento della Dda di Catanzaro guidata dal procuratore Nicola Gratteri. Le tesi investigative sono state poi avvalorate dal gip distrettuale e da qui la necessità di intervenire in maniera decisa sull’Asp di Vibo al fine di fare luce su ogni aspetto oscuro relativo alla sua gestione – a partire dalle passate gestioni – e  sugli “appetiti” politici e criminali capaci di svilirne ruolo, prestigio e funzione.

L’Asp e l’inchiesta Maestrale

Ma cosa si trova nell’inchiesta Maestrale-Carthago sull’Azienda sanitaria tanto da far intervenire l’Ufficio territoriale del Governo con l’invio di una commissione di accesso agli atti? Il quadro investigativo emerso consente di avere un chiaro panorama di cointeressenza dell’Asp di Vibo Valentia sia con la criminalità organizzata e sia con esponenti politici di vario livello.  Tale cointeressenza di fatto condiziona in modo totale l’esercizio delle funzioni dell’ente che mediante i propri atti risponde a logiche criminali e politiche invece che perseguire l’interesse pubblico afferente la sanità”.  Questo quanto si legge nell’inchiesta della Dda di Catanzaro firmata dal procuratore Nicola Gratteri e dai pm Antonio De Bernardo, Andrea Buzzelli e Annamaria Frustaci. L’inchiesta dedica poi un apposito capitolo alla sanità vibonese così intitolato: “L’incidenza della criminalità organizzata nell’Asp di Vibo Valentia”. “Le risultanze acquisite, suffragate dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, consentono di individuare specifici legami con i vari dirigenti medici da parte di esponenti politici e criminali”.
La Dda individua quindi sette figure di spicco dell’Asp di Vibo Valentia che risponderebbero a “differenti strutture criminali”, con la “trasmigrazione degli equilibri criminali della provincia all’interno dell’Asp che ha visto il generarsi di specifici contrasti interni”. Ed ancora: “L’attuale attività di indagine, mediante la ricostruzione dei retroscena relativi alla gestione degli appalti da parte dell’Asp di Vibo e la stretta correlazione con la criminalità organizzata ha offerto un punto di vista privilegiato ed attuale circa gli assetti dell’ente sanitario ed i più che evidenti condizionamenti”.

Asp in mano a criminalità e politica

Oltre alla gestione dell’appalto delle mense ospedaliere, ai concorsi per operatori socio sanitari ed “ai patti corruttivi intrapresi da alcuni dirigenti dell’Asp”, ad avviso della Dda le diverse vicende vanno tutte concatenate “in un articolato sistema di scambio elettorale volto sia al collocamento ai vertici dell’Azienda di personaggi appartenenti al medesimo circuito, sia all’ottenimento di un bacino di voti quale unità di scambio delle concessioni e degli atti d’ufficio adottati dai dirigenti”.
Le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, unite a delle rilevanti acquisizioni intercettive, hanno quindi consentito agli inquirenti di tracciare la strettissima interconnessione di una serie di dirigenti sanitari con la criminalità organizzata, ottenendo una chiara dimostrazione di come l’Azienda sanitaria provinciale di Vibo rappresenti al suo interno differenti esponenti criminali e politici che tramutano l’ente sanitario, ed i relativi poteri affidati, in un mero strumento al servizio della criminalità organizzata e di alcune correnti politiche”.  È difatti emerso che alcuni dirigenti sanitari, mediante “concorsi, appalti, ispezioni e nomine interne rispondano a degli specifici interessi criminali e politici ben lontani dalla necessaria imparzialità nell’esercizio di tali funzioni”.

Interessi mafiosi sull’Asp

Il pm Antonio De Bernardo ed il procuratore Nicola Gratteri

Dalle indagini sono emersi strettissimi collegamenti tra alcuni pubblici funzionari ed esponenti della ‘ndrangheta.  In particolare all’interno dell’Asp di Vibo tali relazioni hanno determinato il condizionamento delle attività dell’ente pubblico per perseguire interessi privati e mafiosi”.  Questo invece quanto messo nero su bianco dal gip distrettuale di Catanzaro, Filippo Aragona, nella nuova ordinanza relativa all’operazione antimafia “Maestrale-Carthago” eseguita nei mesi scorsi con diversi arresti. L’Azienda sanitaria locale era già stata sciolta una volta per infiltrazioni mafiose nel 2010 ma, stando all’inchiesta Maestrale-Carthago, la situazione da allora non sembra essere di molto cambiata, tanto che la Procura distrettuale antimafia ha rimarcato il “condizionamento totale” dell’Asp da parte della criminalità organizzata e della politica.
La Commissione di accesso agli atti avrà ora altri tre mesi di tempo per vagliare atti e documenti e presentare infine una relazione conclusiva al prefetto di Vibo Valentia per le determinazioni del caso.

LEGGI ANCHE: Inchiesta Maestrale, la Dda: «Asp di Vibo condizionata in modo totale da criminalità organizzata e politica»

Maestrale-Carthago: le “mani” dei clan e della politica sulla sanità e l’Asp di Vibo

Inchiesta Maestrale: l’Asp di Vibo al centro di uno scambio elettorale tra politici e criminalità

Inchiesta Maestrale: l’assunzione della nuora di Cesare Pasqua fra le contestazioni della Dda

top