domenica,Luglio 14 2024

Maestrale-Carthago: le “mani” dei clan e della politica sulla sanità e l’Asp di Vibo

Anche il gip distrettuale pone l’accento sugli “strettissimi collegamenti” tra funzionari pubblici ed esponenti della ‘ndrangheta per il perseguimento di interessi privati e mafiosi

Maestrale-Carthago: le “mani” dei clan e della politica sulla sanità e l’Asp di Vibo
L’ospedale Jazzolino di Vibo Valentia

Dalle indagini sono emersi strettissimi collegamenti tra alcuni pubblici funzionari ed esponenti della ‘ndrangheta. In particolare all’interno dell’Asp di Vibo tali relazioni hanno determinato il condizionamento delle attività dell’ente pubblico per perseguire interessi privati e mafiosi”. E’ quanto mette nero su bianco il gip distrettuale di Catanzaro, Filippo Aragona, nella nuova ordinanza relativa all’operazione antimafia “Maestrale-Carthago” di cui è stata data ieri esecuzione con diversi arresti. Un’inchiesta, quindi, che consente di avere – ad avviso della Dda di Catanzaro – anche un quadro “chiaro” in ordine alla cointeressenza dell’Asp di Vibo Valentia sia con la criminalità organizzata e sia con esponenti politici di vario livello”. Una cointeressenza capace di “condizionare in modo totale l’esercizio delle funzioni dell’ente che mediante i propri atti risponde a logiche criminali e politiche invece che perseguire l’interesse pubblico afferente la sanità”. L’Azienda sanitaria locale era già stata sciolta una volta per infiltrazioni mafiose nel 2010 ma, stando all’inchiesta Maestrale-Carthago, la situazione da allora non sembra essere di molto cambiata con la Procura distrettuale antimafia che rimarca il “condizionamento totale” dell’Asp da parte della criminalità organizzata e della politica. “Le risultanze acquisite, suffragate dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, consentono di individuare specifici legami con i vari dirigenti medici da parte di esponenti politici e criminali”. La Dda individua quindi diverse figure di spicco dell’Asp di Vibo Valentia che risponderebbero a “differenti strutture criminali”, con la “trasmigrazione degli equilibri criminali della provincia all’interno dell’Asp che ha visto il generarsi di specifici contrasti interni”. L’inchiesta Maestrale-Carthago ha offerto così “un punto di vista privilegiato ed attuale circa gli assetti dell’ente sanitario ed i più che evidenti condizionamenti”, mediante la ricostruzione dei retroscena relativi alla gestione degli appalti da parte dell’Asp di Vibo e la stretta correlazione con la criminalità organizzata”. Il monitoraggio di Domenico Colloca di Mileto (già assessore a Mileto nell’amministrazione sciolta per infiltrazioni mafiose) ed i rapporti di quest’ultimo con Gregorio Coscarella, nipote del boss di San Gregorio d’Ippona Rosario Fiarè, avrebbero così “consentito di portare alla luce le strette cointeressenze con Cesare Pasqua ed il sistema corruttivo costruito in relazione alle mense ospedaliere”, ma anche “l’alterazione delle procedure concorsuali” relative concorso per cinque posti a tempo indeterminato per operatore socio sanitario (Oss) indetto dall’Asp di Vibo.  La circostanza che i concorsi indetti dall’Asp rispondano a specifiche logiche clientelari e politiche – rimarca la Dda – emerge in maniera dirompente dalle attività di intercettazioni afferenti il concorso. Domenico Colloca e Gregorio Coscarella hanno intrapreso una serie di azioni volte ad assicurarsi l’affidamento diretto dell’appalto delle mense ospedaliere e la creazione di un bando di gara in cui i fossero condizioni contrattuali con vantaggi per l’azienda di Colloca”. Tale azione sarebbe stata svolta avvalendosi di una serie di contatti politici sui quali la Dda è impegnata a fare piena luce.

LEGGI ANCHE: Maestrale: la truffa sui pasti ospedalieri porta ai domiciliari una nutrizionista dell’Asp di Vibo

Maestrale-Carthago: il dirigente dell’Asp Cesare Pasqua per il gip vicino ai Mancuso e ai Fiarè

Maestrale: le “manovre” per far vincere un concorso all’ex presidente della Provincia Niglia

Maestrale-Carthago: dalle intercettazioni ai collaboratori, le accuse per l’avvocato Sabatino

Maestrale-Carthago: luce pure sugli omicidi di Maria Chindamo e Angelo Corigliano

‘Ndrangheta: Maestrale-Carthago, in 52 ai domiciliari. Tra loro politici, sanitari e un avvocato

‘Ndrangheta: operazione Maestrale-Carthago, ecco i 29 arrestati in carcere – Foto

top