sabato,Maggio 18 2024

Omicidio Oppedisano, parla la zia: «Era un bravo ragazzo, solo casa e lavoro» – Video

Il giovane boscaiolo di 24 anni ucciso a colpi di fucile mentre andava a lavorare, viveva a Monsoreto di Dinami nel Vibonese

Omicidio Oppedisano, parla la zia: «Era un bravo ragazzo, solo casa e lavoro» – Video

Viveva a Monsoreto, frazione di Dinami, Domenico Oppedisano, il boscaiolo di 24 anni freddato questa mattina poco prima delle 8 a colpi di fucile. Sul luogo dell’omicidio le tracce del nastro che i carabinieri hanno apposto per delimitare la scena del crimine e un cartello che indica la presenza di telecamere di videosorveglianza.
Il killer, probabilmente nascosto tra la fitta vegetazione, lo ha centrato in pieno volto mentre in auto stava raggiungendo località Prateria dove lavorava come boscaiolo e dove vive il padre. «Ogni mattina era qui con suo padre. Noi la legna l’acquistavamo da lui», conferma una vicina di casa che aggiunge: «Era un bravo ragazzo, un lavoratore». 
Domenico era sposato, aveva una bimba di appena un anno. Con la famiglia si era trasferito nella vicina Monsoreto, frazione di Dinami, nel Vibonese. «Da casa al lavoro e dal lavoro a casa. Mio nipote era un bravo ragazzo», dice la zia paterna ancora sotto choc per l’accaduto. Non si dà pace, chiede giustizia. «Non si può morire a 24 anni. Hanno ucciso un innocente». Il giovane è morto durante il trasporto all’ospedale di Polistena. Un possibile regolamento dei conti legato alla sua attività lavorativa una delle ipotesi battute dagli inquirenti che indagano per ricostruire il movente e risalire all’autore o agli autori dell’omicidio.

LEGGI ANCHE: Omicidio nel Reggino, 24enne ucciso nelle campagne di San Pietro di Caridà

Articoli correlati

top