Intimidazioni nel Vibonese, gli imprenditori non si piegano: «Fiducia nelle istituzioni» – Video

Dopo la doppia intimidazione alle aziende del suo gruppo parla Giuseppe Callipo che, ricordando la scia di attentati del passato, assicura: «Neanche questa volta molleremo» 

Dopo la doppia intimidazione alle aziende del suo gruppo parla Giuseppe Callipo che, ricordando la scia di attentati del passato, assicura: «Neanche questa volta molleremo» 

L'impresa oggetto delle attenzioni del racket
Informazione pubblicitaria

Le aziende insediate nella zona industriale di Maierato rimangono nel mirino, ma gli imprenditori colpiti reagiscono e, senza sottovalutare gli attacchi, inneggiano alla collaborazione con le forze dell’ordine e a proseguire gli investimenti. Giuseppe Callipo, patron del gruppo di famiglia che nel sabato nero ha subito la doppia visita dei postini del racket – in due sue aziende sono stati ritrovati bottiglie con liquido infiammabile e cartucce – non ha dubbi: «Non è il primo attentato che subiamo e mai come in questo momento è più alta che mai la fiducia in chi indaga». Gli fa eco il presidente degli industriali vibonesi, Rocco Colacchio, che annuncia «azioni concrete» di sostegno visto che le intimidazioni subite dalle due società che operano nel ciclo siderurgico si inquadrano in un’escalation che nella stessa zona industriale ha visto prese di mira altre aziende che operano nel settore dei rifiuti. Rimane alta l’attenzione delle forze dell’ordine, sugli ultimi fatti indagano i carabinieri, e in tanti sospettano che le azioni criminali possano essere conseguenza delle fibrillazioni nei clan, in conseguenza degli arresti che hanno decapitato il clan Bonavota che da Sant’Onofrio spadroneggiava fino a Maierato.   

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHENuove intimidazioni nell’area industriale di Maierato, nel mirino le aziende dell’alluminio – Video

Intimidazioni, Confindustria Vibo: «Risponderemo con segnali concreti»