lunedì,Maggio 20 2024

Processo Imponimento: la Dda ricostruisce l’attenzione del boss di Filadelfia per le elezioni del 2018

Nella requisitoria del processo il pm Antonio De Bernardo parla di una cena elettorale per Mangialavori e del proposito del capoclan di partecipare

Processo Imponimento: la Dda ricostruisce l’attenzione del boss di Filadelfia per le elezioni del 2018

di Alessia Truzzolillo
Due versioni della stessa storia. Da una parte l’imputato, Francescantonio Tedesco, che si difende, che dice di aver raccolto voti per l’attuale senatore Giuseppe Mangialavori e di avere chiesto voti a tutti «pure alla moglie di Rocco Anello, alla figlia e al genero», ma tiene fuori proprio il presunto capo del locale di ‘ndrangheta di Filadelfia perché, dice, a Rocco Anello la politica «non interessa, che è una cosa sporca».
Dall’altra parte c’è l’accusa che ieri, nel corso della prima udienza di requisitoria del processo Imponimento, ha sostenuto che le intercettazioni telefoniche dicono esattamente il contrario: che Rocco Anello si era spinto sino all’uscio di una cena elettorale di Mangialavori riservandosi la possibilità di entrare se fosse stato presente anche Tedesco. «Sicuramente – dice il pm –, la presenza fisica di Francescantonio Tedesco sarebbe stato un motivo per Rocco Anello di entrare alla cena elettorale».
Ma procediamo con ordine. Continua a leggere su lacnews24.it

Articoli correlati

top