Premio Eccellenza Italiana alla distilleria Caffo

Il prestigioso riconoscimento ritirato a Washington sabato scorso coincide con il centenario dell’azienda di Limbadi.

Il prestigioso riconoscimento ritirato a Washington sabato scorso coincide con il centenario dell’azienda di Limbadi.

Informazione pubblicitaria
Nuccio e Pippo Caffo nella distilleria di famiglia
Informazione pubblicitaria

Un riconoscimento prestigioso che arriva nell’anno in cui la storica azienda di famiglia compie cento anni di attività. È il Premio Eccellenza Italiana assegnato alla distilleria Caffo di Limbadi e ritirato a Washington sabato scorso. «Con i suoi cent’anni di storia – si legge nella motivazione del premio – e con un continuo impegno a valorizzare diverse produzioni italiane di distillati che rappresentano storie e tradizioni locali che incontrano il favore del mercato per capacità di gusto e unicità di sapori, il Gruppo Caffo oggi opera a livello globale con una varietà di prodotti ciascuno rispettoso di antiche tradizioni che meritano di essere raccontate».

Informazione pubblicitaria

«Il 2015 – si legge poi in una nota dell’azienda – assume tutto il significato di unicità nell’ambito di una famiglia, di un’azienda e di una comunità di amici consumatori ed esperti degustatori che quest’anno festeggia la campagna distillatoria numero 100». I Caffo, infatti, dal 1915 «distillano come si conviene le vinacce la prima settimana di ottobre», mese in cui si lavora nelle vigne e negli stabilimenti di trasformazione anche per «studiare le produzioni vitivinicole e farne prodotti di altissima qualità. Un lavoro vero per il vino, verissimo per i distillati. Per fare della qualità un prodotto unico e inimitabile».

Non a caso, afferma Nuccio Caffo, amministratore del gruppo, «la prima settimana di ottobre nella storia della mia famiglia è densa di ricordi, di distillati, di profumi. Crediamo di rappresentare con la nostra storia tutto il gusto e l’esperienza di chi punta all’innovazione nella tradizione». «Quest’anno – gli ha fatto eco il patron Pippo Caffo – lo ricorderemo non solo per la nostra centenaria promessa di qualità e di dedizione ma anche per il passaggio al nuovo importante stabilimento produttivo». Motivazioni, queste, che si ritrovano nel Premio Eccellenza Italiana ritirato negli Usa sabato scorso.