‘Ndrangheta: operazione “Conquista”, confermate 4 ordinanze in carcere per clan Bonavota

Davanti al gip distrettuale regge solo parzialmente l'inchiesta della Dda di Catanzaro in tema di misure cautelari. Restano in libertà Pasquale e Nicola Bonavota

Davanti al gip distrettuale regge solo parzialmente l'inchiesta della Dda di Catanzaro in tema di misure cautelari. Restano in libertà Pasquale e Nicola Bonavota

Informazione pubblicitaria

Ordinanza di custodia cautelare in carcere per quattro presunti esponenti del clan Bonavota di Sant’Onofrio. Ad emetterla è stato il gip distrettuale su richiesta della Dda nell’ambito dell’operazione antimafia denominata “Conquista”. Custodia cautelare in carcere, pertanto, nei confronti di: Domenico Bonavota, 37 anni, ritenuto il capo “militare” del clan; Onofrio Barbieri, 36 anni, e Giuseppe Lopreiato, 22 anni, tutti di Sant’Onofrio; Domenico Febbraro, 23 anni, pure lui di Sant’Onofrio. I quattro si trovavano già in carcere poiché raggiunti il 14 dicembre da ordinanza di custodia cautelare emessa nelle scorse settimane dal gip del Tribunale di Vibo, Gabriella Lupoli, che aveva convalidato il fermo della Dda per i primi tre e disposto ugualmente la custodia in carcere (pur senza convalida del fermo) per il quarto. Sono a vario titolo accusati di associazione mafiosa, estorsione, detenzione di armi e danneggiamento. Domenico Bonavota è accusato anche di concorso nell’omicidio di Domenico Di Leo di Sant’Onofrio. Nessuna misura custodiale nei confronti dei fratelli Pasquale e Nicola Bonavota, 40 anni, destinatari del fermo di indiziato di delitto della Dda di Catanzaro (pm Camillo Falvo), poi però non convalidato dai gip di Roma (per Pasquale Bonavota) e Vibo Valentia (per Nicola Bonavota).

Omicidi ed estorsioni, decapitata la cosca Bonavota (NOMI)

Dall’inchiesta, oltre ad una serie di danneggiamenti nei confronti delle aziende dell’imprenditore Pippo Callipo, è emerso anche il recente tentativo da parte del clan Bonavota di preparare un attentato in grande stile per eliminare il nuovo collaboratore di giustizia di Vibo Valentia Andrea Mantella appena appresa dalla stampa la notizia dell’avvio della sua collaborazione con la giustizia. Attraverso un’intercettazione, la Dda di Catanzaro avrebbe appreso dai dialoghi di due sodali del gruppo Bonavota dell’intenzione del clan di pagare un “informatore” in grado di svelargli in quale località protetta si trovasse Mantella al fine di attentare alla sua vita per impedirgli di parlare degli omicidi commessi anche per conto del clan Bonavota. Lo stesso Andrea Mantella, personaggio di spicco del clan Lo Bianco di Vibo Valentia, che ha iniziato a collaborare nel maggio scorso con la Dda, ha manifestato ai magistrati il proprio timore di poter essere ucciso dai Bonavota.

Operazione “Conquista”, il gip di Roma scarcera Pasquale Bonavota

Per l’omicidio di Di Leo sono indagati Domenico Bonavota, Pasquale Bonavota, Nicola Bonavota, Francesco Fortuna, Onofrio Barbieri e Andrea Mantella. Per l’omicidio di Raffaele Cracolici, boss di Maierato, ucciso a Pizzo Calabro il 4 maggio 2004, ono accusati Pasquale Bonavota, Nicola Bonavota, Francesco Fortuna, Onofrio Barbieri ed Andrea Mantella, mentre Domenico Bonavota, Francesco Michienzi e Vincenzino Fruci sono stati già giudicati ed assolti per tale delitto.

‘Ndrangheta: omicidio Di Leo a Sant’Onofrio, Francesco Fortuna ammesso al rito abbreviato