Omicidi ed estorsioni, decapitata la cosca Bonavota (NOMI)

Sei fermi d'indiziato di delitto. Irreperibile solo Nicola Bonavota. Tredici in tutto gli indagati. Arrestati, all'esito delle perquisizioni compiute all'alba, altri due presunti fiancheggiatori del clan.

Sei fermi d'indiziato di delitto. Irreperibile solo Nicola Bonavota. Tredici in tutto gli indagati. Arrestati, all'esito delle perquisizioni compiute all'alba, altri due presunti fiancheggiatori del clan.

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Sei fermi d’indiziato di delitto, di cui cinque eseguiti. Le accuse – formulate a vario titolo – spaziano dall’omicidio alla tentata estorsione. Tredici in tutto gli indagati, a cui si aggiungono altre due persone arrestate in flagranza di reato. Questo il bilancio dell’operazione compiuta all’alba di stamani dai carabinieri del Nucleo investigativo di Vibo Valentia guidato dal capitano Valerio Palmieri, con il coordinamento del pm antimafia di Catanzaro Camillo Falvo, che ha assestato un nuovo duro colpo alla cosca Bonavota di Sant’Onofrio.

Informazione pubblicitaria

I fermi hanno attinto i giovani boss Domenico e Pasquale Bonavota, irreperibile invece un terzo fratello. Nicola. Fermati, inoltre, Giuseppe Lopreiato, Domenico Febbraro e Onofrio Barbieri, quest’ultimo considerato un elemento apicale del clan. Già detenuto, in forza ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che ha resistito al vaglio del Tribunale del Riesame, Francesco Fortuna.

Sono stati invece arrestati all’alba di stamani anche Giovanni Lopreiato e Antonio Salvatore Gerardo Petrolo, estranei alle accuse oggetto del fermo, a cui vengono contestati rispettivamente il favoreggiamento alla latitanza di Domenico Bonavota e il possesso di armi.

LA RICOSTRUZIONE: La prima intimidazione a Callipo nelle parole di un pentito

Intimidazione al Popilia Resort, Callipo: «Non mi farò intimorire anche a costo della vita» – VIDEO

Le investigazioni dell’Arma vibonese hanno fatto luce sull’ultimo attentato subito dall’imprenditore Filippo Callipo, già in passato vittima di altri attentati e di un progetto di sequestro del figlio Giacinto già svelato da un collaboratore di giustizia, Francesco Michienzi. Fondamentali, per ricostruire in particolare le dinamiche inerenti i due delitti contestati, entrambi risalenti a dodici anni fa, quelli di Domenico Di Leo e di Raffaele Cracolici, commessi tra Maierato e Pizzo.

L’omicidio Di Leo e l’ascesa del clan Bonavota – VIDEO

Alle dieci è attesa la conferenza stampa a cui prenderanno parte, a Catanzaro, il procuratore capo Nicola Gratteri, l’aggiunto Giovanni Bombardieri, e il comandante dell’Arma di Vibo Valentia Gianfilippo Magro.