Sgarbi al “Morelli”, il dirigente getta acqua sul fuoco: «Nessuno sarà tenuto a comprare il libro»

In seguito alla circolare che favoriva la partecipazione all’iniziativa degli studenti muniti del volume del critico d’arte, Raffaele Suppa spiega: «mi sono dovuto adeguare a un metodo che non condivido»

In seguito alla circolare che favoriva la partecipazione all’iniziativa degli studenti muniti del volume del critico d’arte, Raffaele Suppa spiega: «mi sono dovuto adeguare a un metodo che non condivido»

Informazione pubblicitaria
Il preside Raffaele Suppa

«Credo sia stato sollevato un polverone inutilmente. Ho scelto un criterio per consentire ai ragazzi di assistere alla presentazione dell’ultimo volume di Vittorio Sgarbi La Costituzione e la bellezza visto che l’auditorium ha una capienza limitata e che in tutto disponiamo di 420 posti».

Interviene sul caso della presentazione del libro del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi, in programma il prossimo 25 gennaio, il dirigente scolastico del liceo classico Michele Morelli di Vibo Valentia, Raffaele Suppa, chiarendo che la scelta di dare una priorità agli studenti che avessero acquistato il libro è stata dettata esclusivamente da motivi logistici e organizzativi.

Al Liceo “Morelli” di Vibo arriva Sgarbi: nell’Auditorium della scuola priorità a chi acquista il libro

A promuovere l’evento, ha riferito Suppa, è stato il Liceo Artistico “Colao”, dal quale arriveranno nell’auditorium 280 alunni occupando altrettanti posti e lasciandone a disposizione altri 140 per i compagni del “Morelli”. Ma, ha precisato il dirigente, «gli studenti del Liceo Classico sono molti di più. Allora ho pensato di selezionarli dando priorità a chi abbia prenotato il libro. Un modo di fare, figlio di una logica che non ho mai condiviso, ma alla quale mi sono dovuto adeguare. La cultura per me è senza confini e senza limiti, ma non tutti si muovono gratuitamente».

Il preside ha poi affermato di aver condiviso la scelta con i ragazzi «che hanno capito anche se non pienamente condiviso il tutto. Ad ogni modo, il Liceo Classico parteciperà con una delegazione di studenti all’evento senza che nessuno sia tenuto all’acquisto del volume».