Incidente mortale tra Francica e San Costantino, sale a due il bilancio delle vittime

Giancarlo Chiarello era rimasto gravemente ferito nel sinistro costato la vita al suo amico Michele Gullone. Posto in coma farmacologico a Catanzaro, è deceduto questa mattina a distanza di un mese
Giancarlo Chiarello era rimasto gravemente ferito nel sinistro costato la vita al suo amico Michele Gullone. Posto in coma farmacologico a Catanzaro, è deceduto questa mattina a distanza di un mese
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Era stato posto in coma farmacologico dai sanitari del reparto di Rianimazione dell’ospedale di Catanzaro che lo avevano in cura fin dal 10 novembre scorso, giorno in cui era rimasto coinvolto nel tragico incidente stradale in cui aveva perso la vita un suo amico, Michele Gullone, 39 anni, di San Costantino Calabro. Ad un mese di distanza da quel drammatico sinistro anche Giancarlo Chiarello (foto in basso), 40 anni, pure lui di San Costantino Calabro, si è arreso. Troppo gravi le conseguenze dell’incidente che aveva visto la Renault Clio, sulla quale viaggiavano entrambi, finire fuori strada nelle campagne tra Francica e San Costantino Calabro. Il 40enne, di professione muratore, è deceduto questa mattina intorno alle 6 nel nosocomio del capoluogo di regione. Nell’impatto aveva riportato diverse fratture, un trauma cranico e un suo polmone era stato perforato da una costola.   



LEGGI ANCHE: Auto fuori strada tra Francica e San Costantino, un morto e un ferito grave
Incidente mortale sulla Sp 77, il ferito in coma farmacologico

Informazione pubblicitaria