domenica,Maggio 16 2021

Rinascita-Scott: Luigi Mancuso capo indiscusso della ‘ndrangheta vibonese – Video

Riconosciuto dal “Crimine” di Polsi, è legato a doppio filo ai più potenti clan del Reggino. Il boss di Limbadi arrestato in treno mentre faceva ritorno da Milano

Rinascita-Scott: Luigi Mancuso capo indiscusso della ‘ndrangheta vibonese – Video

Ci sono le ‘ndrine, ci sono i locali. Ma soprattutto c’è la provincia, in senso geografico e mafioso. Ed un capo crimine che la comanda. Per la Dda e i carabinieri non ci sono dubbi: è Luigi Mancuso il capo dei capi della ‘ndrangheta vibonese. Riconosciuto dal “Crimine” di Polsi, e storico detentore del potere ‘ndranghetistico formale e sostanziale su tutta la provincia, in virtù del suo carisma criminale, degli strettissimi rapporti con le cosche Piromalli di Gioia Tauro e Pesce di Rosarno, dei collegamenti con le più potenti famiglie ‘ndranghetiste del Reggino, rappresentava il verticeassoluto dell’intera area, cui facevano capo le altre articolazioni criminali. Luigi Mancuso è stato arrestatosultreno, a Lamezia Terme, la sera prima del maxi-blitz Rinascita-Scott, mentre tornava da Milano. I carabinieri del Gruppo d’intervento speciale lo hanno bloccato in mezzo agli altri passeggeri. Il boss di Limbadi, 65 anni, era al vertice della cosiddetta “caddara” insieme a coloro che avrebbero costituito una sorta di direttorio della ‘ndrangheta vibonese: i sangregoresi RosarioFiarè e SaverioRazionale e il capobastone del Poro PepponeAccorinti.

top