Viabilità da incubo nel Vibonese, Pisani: «Un colpo mortale al turismo»

L’appello del vicepresidente della Pro loco di Serra San Bruno a prendere coscienza di «un problema che attanaglia i centri dell’entroterra vibonese e inibisce le scelte turistiche»

L’appello del vicepresidente della Pro loco di Serra San Bruno a prendere coscienza di «un problema che attanaglia i centri dell’entroterra vibonese e inibisce le scelte turistiche»

Informazione pubblicitaria
Una strada crollata nel Vibonese

«Lavoriamo ogni giorno e a ritmo sfrenato per rilanciare il turismo nel nostro entroterra e per attrarre più fette di mercato possibile, ma le vicissitudini in tema di infrastrutture influiscono pesantemente su quanto stiamo cercando di creare con la paura che i nostri sforzi possano diventare vani. Stiamo cercando di creare il consorzio turistico più grande della Calabria, abbiamo già una programmazione delle manifestazioni estive, siamo in moto per organizzare la Quarta edizione della Festa del Fungo, ma mi chiedo: in questa situazione di vero e proprio isolamento, i turisti ci sceglieranno e, se sì, come? Come è possibile che, con il passare degli anni, la situazione viaria nell’entroterra serrese invece di migliorare, peggiori?»

A parlare è Andrea Raffaele Pisani, vicepresidente della Pro loco di Serra San Bruno. Lo fa per denunciare l’insostenibile stato della viabilità locale nel Vibonese, in particolare nell’area delle Serre, che costituisce un serio freno all’economia turistica e non dell’entroterra. Condizione rispetto alla quale, peraltro, non si registrano particolari iniziative pubbliche.

Sul Poro “strade da terzo mondo”, la disastrata viabilità provinciale indigna gli automobilisti (VIDEO)

«Delle strade che conducono nell’entroterra serrese – aggiunge Pisani – se ne parla da secoli, ma se fino a qualche anno fa si discuteva di strade che, tortuose e piene di curve, comunque consentivano ai turisti di raggiungerci, nel 2017 si discute di strade chiuse o di strade pronte ad essere fruibili ma non inaugurate che permetterebbero anche al turista più accanito di raggiungerci. Tutto questo incide fortemente sullo sviluppo turistico della nostra zona, una zona in cui si dovrebbe proprio investire in turismo visto che le alternative scarseggiano».

Per il vicepresidente dell’associazione serrese «l’attrattiva di un territorio si misura proprio dalla percezione della sua accessibilità nel momento della scelta della vacanza. L’efficienza in materia di trasporto è determinante per la competitività turistica. L’inefficienza della rete stradale, soprattutto al Sud, ha un impatto considerevole sulle scelte turistiche. Di fatto si sta ostacolando l’accesso alle nostre località turistiche, inibendo la scelta turistica e il desiderio di ripetere la vacanza. Ad esso si aggiunge la crisi che attanaglia le nostre attività commerciali che se già avevano difficoltà con strade che, anche con difficoltà, permettevano ai turisti di raggiungerci, immaginiamo ora in che situazioni vivono».

Viabilità da incubo nel Vibonese, ancora una denuncia di un automobilista (VIDEO)

In conclusione «questa situazione sta inoltre già creando un gravissimo danno alla nostra immagine che porterà conseguenze a medio lungo periodo a cui sarà difficile poi porre rimedio. Noi come Pro Loco ci auguriamo che questa situazione possa cessare il prima possibile, altrimenti sarà difficile resuscitare un territorio da lungo tempo in agonia».

Viabilità da incubo nelle Serre vibonesi: Consiglio straordinario a Mongiana

Viabilità colabrodo a Vibo: buche e crateri minacciano gli automobilisti