Il sangue di Davide Mirabello sull’auto: è la prova che inchioda i Marras

La traccia ematica è stata rinvenuta sulla portiera della Fiat Panda sequestrata ai due allevatori cagliaritani sottoposti a fermo dai carabinieri
La traccia ematica è stata rinvenuta sulla portiera della Fiat Panda sequestrata ai due allevatori cagliaritani sottoposti a fermo dai carabinieri
Informazione pubblicitaria
Le ricerche dei fratelli scomparsi a Dolianova

Una traccia di sangue sulla portiera di un’auto. È questa una delle prove regine che questa mattina hanno portato i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Cagliari a fermare Joselito Marras, 57 anni, e il figlio Michael, di 27, accusati di aver ucciso il 9 febbraio scorso a Dolianova i fratelli di origine calabrese Massimiliano e Davide Mirabello, i cui corpi non sono mai stati trovati.

Scomparsa dei fratelli Mirabello, i Marras sottoposti a fermo

La traccia di sangue è stata riscontrata dai carabinieri sulla portiera lato guidatore della Fiat Panda sequestrata alla famiglia Marras pochi giorni dopo la scomparsa dei due fratelli. Il sangue è stato analizzato dagli specialisti del Ris. L’esito non ha lasciato dubbi: era di Davide Mirabello. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, coordinati dal pm di Cagliari Gaetano Porcu, all’origine del duplice omicidio ci sarebbero vecchi attriti tra i due nuclei familiari, che hanno terreni confinanti. Indagini sono ancora in corso per identificare i soggetti che hanno favorito ed aiutato i Marras per occultare i cadaveri delle vittime.

Scomparsa dei fratelli Mirabello, i dissidi con i vicini sotto la lente degli investigatori – Video

Scomparsa dei fratelli Mirabello, prelievo del Dna sui due indagati