Carattere

Il clan di Sant’Onofrio nel giugno dello scorso anno stava preparando un attentato nei confronti del pentito appena appresa la notizia della sua collaborazione con la giustizia

Cronaca

Doveva morire Andrea Mantella. Attraverso un attentato in grande stile finalizzato ad evitare che con le sue dichiarazioni alla magistratura il 44enne di Vibo Valentia mettesse in seri guai il clan Bonavota, preoccupato per quelle che i magistrati dell’operazione “Conquista” definiscono come “ripercussioni devastanti per i maggiorenti della cosca a seguito dell’avvio della collaborazione con la giustizia”.

Sono in particolare alcune intercettazioni telefoniche ed ambientali del giugno dello scorso anno a svelare il progetto di morte nei confronti di Andrea Mantella, dal mese prima divenuto collaboratore di giustizia. Picciotti e sodali del clan Bonavota temono che il nuovo pentito di ‘ndrangheta possa in particolare parlare di almeno quattro omicidi a cui il vibonese avrebbe direttamente partecipato per fare un favore ai mafiosi di Sant’Onofrio.

Denaro per arrivare a Mantella. Il clan Bonavota si sarebbe così preoccupato di offrire del denaro a chiunque fosse stato in grado di svelare dove si trovava detenuto Andrea Mantella, che aveva appena iniziato il suo percorso di collaborazione con la giustizia. Bisognava eliminarlo, con un attentato in grande stile ed “in tempi “rapidi-rapidi” affermano i due picciotti del clan Bonavota nelle intercettazioni. Dopo sarebbe stato troppo tardi, perché Andrea Mantella avrebbe potuto mettere “nero su bianco” particolari inediti e pesanti su gravi fatti di sangue dallo stesso commessi in concorso con il clan Bonavota.  “Dopo che parla – dicevano nelle intercettazioni i picciotti del clan – dove lo prendono più”?

Le dichiarazioni del collaboratore. Lo stesso Andrea Mantella, del resto, temeva seriamente per la propria incolumità personale tanto da considerare più che reale il rischio di un “attentato” ai suoi danni per via della collaborazione che aveva da poco intrapreso. In un verbale di interrogatorio datato 8 giugno 2016, lo stesso Andrea Mantella dichiarava infatti ai magistrati: “ Quanto alla mia incolumità per il fatto della collaborazione – ha spiegato Mantella –, dei Bonavota temo soprattutto Domenico Bonavota, perchè lui ha una mente criminale e quando si mette in testa di dover uccidere qualcuno fa di tutto pur di portare a termine il suo intento. Anche Francesco Fortuna è molto pericoloso – ha aggiunto il collaboratore – ma so che lui al momento è detenuto”.

Ndrangheta: omicidio Cracolici, tutti i particolari degli arresti nel clan Bonavota (VIDEO)

‘Ndrangheta: operazione “Conquista”, arresti contro il clan Bonavota

‘Ndrangheta: i legami fra il clan Bonavota ed i crotonesi svelati da Andrea Mantella

‘Ndrangheta: operazione “Conquista”, confermate 4 ordinanze in carcere per clan Bonavota

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook