giovedì,Luglio 29 2021

Omicidio dei fratelli Mirabello, Michael Marras si fa interrogare

Il padre lo scagiona e l’avvocato chiede la scarcerazione per il fatto di sangue dei due vibonesi avvenuto in Sardegna

Omicidio dei fratelli Mirabello, Michael Marras si fa interrogare
Le ricerche dei fratelli scomparsi a Dolianova
Michael Marras

Un interrogatorio dal carcere di Uta per raccontare la ‘sua’ verità alla luce di quanto emerso dopo la confessione del padre e dopo gli accertamenti svolti dai carabinieri del Nucleo investigativo di Cagliari e del Ris. È quanto ha deciso oggi Michael Marras, 27 anni, arrestato insieme al genitore 57enne, Joselito, per il duplice omicidio dei fratelli di San Gregorio d’Ippona Massimiliano e Davide Mirabello, di 35 e 40 anni, residenti nel sud della Sardegna.

Usciti di casa domenica 9 febbraio, a Dolianova, senza fare più ritorno, i loro cadaveri sono stati ritrovati su indicazione del più anziano degli indagati. Questo pomeriggio Michael Marras, difeso dall’avvocato Patrizio Rovelli, ha deciso di fornire la sua versione di quanto accaduto il 9 febbraio scorso. Durante la sua confessione, il padre – assistito dall’avvocata Maria Grazia Monni – ha escluso la partecipazione del figlio al delitto, circostanza che sarebbe stata confermata dal 27enne assieme ad una ricostruzione dettagliata del duplice omicidio. L’avvocato Rovelli, che ha sollevato una eccezione di incostituzionalità dell’interrogatorio a distanza acconsentendo comunque che il suo assistito rispondesse alle domande, secondo quanto riporta l’Ansa ha annunciato che chiederà la scarcerazione del giovane.

Articoli correlati

top