Omicidio di Francesco Prestia a Mileto, il vescovo Renzo: «Non abbiate paura di dire la verità»

L’esortazione del presule nel corso delle celebrazioni per il Corpus domini. «Faccio mio l’appello della famiglia - ha detto -, chi sa parli: è questo il modo di essere coerenti con la fede cristiana»

L’esortazione del presule nel corso delle celebrazioni per il Corpus domini. «Faccio mio l’appello della famiglia - ha detto -, chi sa parli: è questo il modo di essere coerenti con la fede cristiana»

Informazione pubblicitaria
Il vescovo Luigi Renzo
Informazione pubblicitaria

Chi sa, parli”. Questo il monito di monsignor Luigi Renzo, vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, che, nel corso delle solenni celebrazioni per il Corpus Domini, si è rivolto alla cittadinanza miletese esortandola a farsi avanti per aiutare le indagini sull’omicidio di Francesco Prestia Lamberti, il 15enne ucciso a colpi di pistola da un amico coetaneo. 

Informazione pubblicitaria

Omicidio Prestia a Mileto, la sorella agli amici di Francesco: “Dite quello che sapete”

Il presule ha aggiunto: «Avete visto gli striscioni che ricordavano questo ragazzo ma questo non serve a tranquillizzare le coscienze. Faccio mio l’appello della famiglia, chi sa parli, questo è il modo di essere coerenti con la nostra fede cristiana, non dobbiamo avere paura della verità, dobbiamo avere la capacità di assumere le responsabilità di quello che facciamo».

Omicidio Prestia a Mileto: le indagini, i possibili complici e il luogo del delitto